spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Licenziamenti Sacci: la proprietà conferma i 32 tagli. Sindacati alle barricate

    Alessandro Lippi (Fillea Cgil): "Una decisione barbara. E che crea ansia anche per il futuro di tutto il cementificio"

    GREVE IN CHIANTI – Le aperture di alcuni giorni fa erano, evidentemente, un beffardo specchietto per le allodole, un modo per prendere tempo: nessuna volontà, da parte di CementirSacci, di mettersi a discutere dei 32 licenziamenti annunciati a Testi. Tuttaltro.

     

    E' furibondo Alessandro Lippi, responsabile Fillea Cgil, quando ci racocnta che "ieri c'è stato un incontro fra proprietà e sindacati a livello nazionale. Nessuna volontà di venirci incontro, chiusura su tutta la linea. I 32 licenziamenti annunciati sono lì".

     

    Da qui la decisione: "Il 18 novembre abbiamo un incontro al Ministero dello Sviluppo Economico. Avevamo preso impegno a non fare scioperi ma visti gli sviluppi non ci pensiamo neanche: il 18 un pullman con i lavoratori Sacci andrà a Roma, mentre abbiamo proclamato per quel giorno uno sciopero di otto ore per ogni turno".

     

    "Non viene data nessuna garanzia per i licenziamenti – rilancia Lippi – nessuna garanzia per le esternalizzazioni, nessun incentivo per la volontarietà al licenziamento. Si lega un piccolo contributo solo dietro la decisione di non fare causa all'azienda: è inaccettabile".

     

    "Una decisione barbara – conclude Lippi facendo anche una riflessione a più ampi spettro – E ci preoccupa il fatto che riducendo i numeri alla Sacci si metta in discussione anche la vita stessa del cementificio. Visto che il suo innegabile impatto ambientale i livelli occupazioni, diretti e dell'indotto, sono sempre stati un forte tassello per la sua presenza".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...