spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 15 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Scuola, investimenti da 400 mila euro: due nuovi scuolabus e opere per la sicurezza

    Potenziate anche le linee del trasporto pubblico locale per gli studenti che frequentano le scuole di Figline

    GREVE IN CHIANTI – Si apre con uno "zaino" pieno di opere pubbliche e buone nuove la stagione scolastica di Greve in Chianti che oggi, al primo suono della campanella, ha chiamato a raccolta 1100 studenti, distribuiti nei 10 edifici scolastici presenti a Greve, Panzano, Strada e San Polo, dall'infanzia alla scuola secondaria di primo grado.

     

    Un investimento complessivo che si aggira intorno ai 400mila euro complessivi tra interventi di riqualificazione e messa in sicurezza, manutenzioni straordinarie e acquisti di nuovi mezzi.

     

    E' finalizzato a migliorare il servizio di trasporto scolastico l'arrivo di due nuovi scuolabus, acquistati dal Comune per un investimento complessivo pari a 109mila euro. Si tratta di due Fiat Iveco da 18 posti.

     

    “Dopo oltre dieci anni – commenta il sindaco Paolo Sottani – il Comune è riuscito a potenziare la qualità del proprio parco macchine, costituito da 8 scuolabus guidati da 7 autisti. L'acquisto di due pulmini di nuovissima generazione, all'avanguardia per caratteristiche e prestazioni in termini di sicurezza e confort, consentirà il trasporto degli studenti in tutto il territorio comunale attraverso l'organizzazione di un servizio erogato capillarmente e definito in base alle richieste delle centinaia di famiglie che lo hanno richiesto. Utilizzeremo, inoltre, i pulmini anche per le gite culturali e le visite didattiche dei nostri studenti nei poli museali di Firenze”.

     

    A proposito di trasporto pubblico, altra buona notizia è il potenziamento delle linee di trasporto pubblico locale per gli iscritti residenti a Greve che frequentano gli istituti superiori di Figline.

     

    “Grazie alla collaborazione con la Città Metropolitana – commenta il vicesindaco Stefano Romiti – siamo riusciti ad ottenere una linea in più, nella tratta Figline-Greve, che agevolerà gli studenti che escono da scuola intorno alle 13. Un risultato che va incontro alle esigenze pratiche dei pendolari che per recarsi a casa non dovranno più attendere la Sita delle 14 circa, il secondo orario di uscita dalla scuola per il quale è già attiva una linea. Abbiamo chiesto e ottenuto un miglioramento anche sulla tratta di andata che partirà da Panzano e non più da Greve in direzione Figline, permettendo agli studenti della frazione di evitare inutili attese”.

     

    Altro punto a favore del territorio è l'ampliamento delle possibilità di utilizzo delle linee dirette a Figline che “saranno riservate non più solo agli studenti – aggiunge il sindaco – ma aperte a tutti ed in particolare a coloro che hanno la necessità di spostarsi nel Valdarno”.

    Sul fronte dell'edilizia scolastica, il Comune ha puntato alla sicurezza e al risparmio energetico di numerosi edifici. Tra gli interventi più consistenti quelli di Strada, Panzano, San Polo e Greve. Nella scuola primaria di Strada è in partenza l'installazione della scala anticendio per un importo complessivo pari a circa 70mila euro.

     

    “Stiamo attuando – aggiunge il vicesindaco – la sostituzione delle vecchie plafoniere con nuovi impianti a tecnologia led nella scuola primaria di Strada, nelle scuole dell'infanzia di San Polo e Strada, nei locali della mensa e della palestra di Panzano, mentre alla primaria di Greve stiamo sostituendo i vecchi neon con nuovi tubi a led”.

     

    E' prevista l'installazione di un nuovo generatore di calore e di acqua calda sanitaria per la scuola media Giovanni da Verrazzano di Greve, oltre all'installazione di 120 valvole termostatiche al fine di rendere più confortevole il microclima dell'edificio.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...