spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 30 Gennaio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    L’assessore ai lavori pubblici al consigliere: “Si studi le classi sismiche”

    Non è passato certo inosservato l'attacco della lista civica con Paolo Stecchi (clicca qui per leggere l'articolo), che ha accusato l'assessore ai lavori pubblici del Comune grevigiano, Simone Secchi (in foto sopra, primo da sinistra), di "non sapere che il Comune di Greve è classificato, sismicamente parlando, in zona di pericolosità 2 (su una scala da 1 a 4, dove 1 è la più pericolosa) già dal 2003".

     

    "Tralascio su tutto il resto – dice Secchi – del resto ho già dato ampie risposte nei giorni scorsi sul Gazzettino (clicca qui per leggere l'articolo). Ma quando si vuol andare a insegnare alle persone è bene essere sicuri di quel che si sa, di essere ben documentati.e Stecchi, come accade spesso, non lo è".

     

     

    "Non sarebbe grave – prosegue l'assessore – se un farmacista come Paolo Stecchi non sa bene la classificazio sismica del comune in cui vive. Ma se, da consigliere comunale, accusa di ignoranza farebbe bene a studiare bene prima. Oppure a farsi consigliare meglio dai suoi "consulenti", che evidentemente non l'hanno fatto".

     

    "Il Comune di Greve in Chianti – entra nel merito Secchi – è classificato zona sismica 3S dal 2006, non 2. E si tratta di un dettaglio… non certo da poco: per verificarlo poi non serve neanche tanta fatica, ci sono tutte le carte a disposizioni sui siti web regionali".

     

    "Non ci si può permettere – conclude – di dare di ignorante a una persona se prima non si è sicuri di aver studiato bene quella materia. Lo ripeto: prima di dare lezioni bisogna studiare: anche per una questione di rispetto nei confronti dei cittadini e dei delicati temi che vengono sollevati".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...