spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Sfalci di vegetazione nelle aree pubbliche grevigiane: il Comune spiega come funzionano

    "Il primo taglio è partito il 18 marzo da Greve in Chianti e terminerà indicativamente il 23 aprile alla Panca, dopodiché il ciclo dei tagli ripartirà"

    GREVE IN CHIANTI – Sfalcio della vegetazione nelle aree pubbliche nel territorio grevigiano: l’amministrazione comunale di Greve in Chianti spiega come è organizzato.

    “Da qualche settimana – dicono dal palazzo comunale – è iniziato lo sfalcio dell’erba nelle varie frazioni. Abbiamo adottato un calendario dei tagli a ciclo continuo, che interessa il capoluogo e tutte le frazioni”.

    “In tutta la stagione – proseguono – sono previsti sei passaggi di taglio. L’ordine dei tagli viene stabilito tenendo conto sia della quota altimetrica – partendo dunque dai paesi più a valle per poi spostarsi in collina – che del calendario degli eventi nelle varie frazioni”.

    “Il servizio di sfalcio – viene sottolineato – è realizzato da Alia attraverso cinque lavoratori. Il primo taglio è partito il 18 marzo da Greve in Chianti e terminerà indicativamente il 23 aprile alla Panca, dopodiché il ciclo dei tagli ripartirà”.

    “Per segnalazioni che possono riguardare anche lo sfalcio dell’erba – concludono – ricordiamo l’apposita procedura sul portale https://cloud.ldpgis.it/greve/segnalazioni-urp“.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...