spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 21 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Sgomento a Greve in Chianti, a 50 anni l’addio a Francesca Turrini: il saluto dell’AVG

    "Nel buio riusciamo a scorgere lo scintillio, la luce brillante che ci ha donato in tutti gli anni trascorsi insieme, nei turni condivisi, nei soccorsi"

    GREVE IN CHIANTI – Riceviamo e pubblichiamo questo ricordo da parte dell’Associazione Volontariato Grevigiano (AVG).

    Da parte della redazione del Gazzettino del Chianti, le più sentite condoglianze ai familiari, agli amici e alla stessa associazione di volontariato.

    Francesca Turrini aveva 50 anni. I funerali si terranno domani, venerdì 29 dicembre, nella chiesa di Santa Croce a Greve in Chianti.

    La nostra associazione si trova di nuovo a piangere la prematura scomparsa di una volontaria cui va la gratitudine nostra e siamo certi, della intera comunità cittadina.

    Ci ha lasciati Francesca Turrini e nello sgomento che ci ha immediatamente colpiti, riusciamo lo stesso a scorgere lo scintillio, la luce brillante che ci ha donato in tutti gli anni trascorsi insieme.

    Nei turni condivisi, nei soccorsi in cui mai si è tirata indietro.

    Serve tenacia e serve coraggio per splendere nonostante le grandi difficoltà, il dolore e la malattia, che abbiamo visto strapparti ogni giorno di più dal tuo corpo e portarti via da noi e dai tuoi cari.

    Serve un cuore pieno d’amore per dare così tanto agli altri, nonostante tutto.

    Cercheremo di somigliarti, di tenerti viva nelle nostre divise, ogni volta che indosseremo in fretta la giacca per partire veloci verso il prossimo servizio.

    AVG, Associazione Volontariato Grevigiano

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...