spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 26 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Sogni, pensieri, parole e segni”: il libro di Federico Fubiani a sostegno di Cure2Children

    Illustrato da Niccolò Storai, è composto da una serie di racconti brevi: "Tutto è iniziato nel 2009 con la morte di mio padre, Giancarlo..."

    GREVE IN CHIANTI – È da poco uscito “Sogni, pensieri, parole e segni” ultimo lavoro letterario di Federico Fubiani, grevigiano, autore della trilogia fantasy “Le Memorie di Roksteg”, edita da Argento Vivo e che ha visto un gran successo tra i lettori.

    Abbiamo parlato con Federico per farci raccontare questo suo ultimo lavoro.

    “E’ un testo slegato dalle memorie di Roksteg – inizia – sono una serie di racconti brevi, dal giallo al dramma. Ci sono delle rivisitazioni di avvenimenti storici e dei racconti frutto della mia fantasia”.

    “È un libro che nasce per aiutare l’associazione Cure2children – tiene a dire Federico – e la sua genesi vede l’inizio nel 2009, quando scomparso mio padre, Giancarlo, a causa di un tumore. Un avvenimento che ha lasciato un forte segno in me e nella mia famiglia”.

    “A volte – riflette – dalle tragedie, nasce la voglia di reagire ed ognuno cerca la propria strada per combattere la situazione in cui ci si ritrova. Io decisi di dare il mio contributo alla ricerca contro il tumore, parlai con varie associazioni e trovai subito una risposta positiva ed entusiasta nell’Associazione Cure2Children Onlus”.

    “Il loro impegno decennale – continua Federico – i tanti progetti che hanno attivi e la serietà dimostrata da questa associazione, mi hanno convinto a sposare la loro causa. Invece di fare una semplice raccolta fondi, gli presentai la possibilità di pubblicare, in una piccola antologia, di una serie di racconti che avevo già scritto”.

    “Il progetto – spiega Federico – al quale andranno i soldi ricavati è il “Global Neuroblastoma Network”, è un progetto di cura e ricerca che nasce nel 2011 grazie a un contributo importante della Fondazione Umberto Veronesi e al coinvolgimento dei maggiori esperti internazionali in materia. Si occupa della ricerca sul neuroblastoma, che ha il triste primato di essere, da solo, la prima causa di decessi in età prescolare. Ciò sia per l’intrinseca resistenza del tumore alle terapie attuali che per la sua relativa rarità e conseguente difficoltà di condurre studi biologici e clinici adeguati”.

    “Per la pubblicazione – prosegue – voglio ringraziare Roberto Valerio, responsabile di Cure2children Firenze, Marco Salimbeni, che ha seguito tutta la fase di pubblicazione e logistica e grazie a loro ho conosciuto e collaborato con Niccolò Storai“.

    “Niccolò – dice Federico – è un famoso fumettista, colorista e disegnatore, ha collaborato con le più grandi case editrici d’Italia ed americane. Collaborava già con l’associazione ed è stato felice di fare la grafica per questo libro. Tra noi è nato subito un feeling “artistico” importante, tanto che si è occupato, quasi a titolo gratuito, anche della copertina del mio ultimo libro della trilogia de “Le memorie di Roksteg”“.

    “Il libro è acquistabile online – conclude Federico – sul sito di Cure2children e al momento solo in dei negozi a Prato, stiamo vedendo se anche altri esercenti vorranno mettere in vendita il libro. Se la pandemia lo permetterà verrà fatto anche un banchino davanti alla Coop qui a Greve per la vendita, ma dipende dalle disposizioni sanitarie”.

    Per restare sempre aggiornati seguite il profilo Facebook di Federico oppure i canali social dell’associazione.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...