spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Spiegare la mafia partendo dai racconti dei bambini: il 15 dicembre a Greve in Chianti “La classe dei banchi vuoti”

    Di e con Giovanni Esposito, referente provinciale Libera, ispirato al libro di Luigi Ciotti e Maria Luce Possenti. Organizzazione di Tiravento

    GREVE IN CHIANTI – Giovedì 15 dicembre nuovo appuntamento con “Tiravento di sera”, rassegna di eventi organizzati dall’associazione grevigiana.

    Dalle 21, nella sala della casa del popolo di Greve in Chianti (ingresso libero), spettacolo teatrale sul tema della mafia.

    Si chiama “La classe dei banchi vuoti”, ed è ispirato al libro di Luigi Ciotti e Maria Luce Possenti.

    Di e con Giovanni Esposito, referente provinciale Libera, artista, educatore, coordinatore progetti educazione alla legalità e cittadinanza attiva anche nella scuola di Greve in Chianti.

    “Un teatro anche per le nuove generazioni – spiegano gli organizzatori – e che rivolge un invito particolare a studenti, insegnanti, educatori, genitori”.

    Perché, concludono, si può “spiegare la mafia partendo dal racconto dei bambini, accompagnare adulti e ragazzi ad aprire gli occhi sul mondo. Vi aspettiamo tutti, grandi e piccoli”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...