spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 3 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Cronometro nel Chianti Classico per il Giro d’Italia 2016: vi sveliamo il percorso

    Toccherà Castellina in Chianti, San Donato in oggio, Panzano. Fino alla piazza di Greve

    CHIANTI CLASSICO – L'arrivo, come detto, sarà nella favolosa cornice di piazza Matteotti, a Greve in Chianti: ma tutto il percorso, i 40 km su cui domenica 15 maggio 2016 si svilupperà la cronometro individuale del Giro d'Italia, che partirà da Radda in Chianti, sarà una sorta di "inno" al Chianti Classico.

     

    Presentata questa mattina a Londra, la "crono" sarà la nona tappa del Giro d'Italia 2016, un continuo saliscendi nelle nostre colline: le immagini televisive faranno rimbalzare nel mondo la bellezza del Chianti Classico. Tutto.

     

    Sarà una tappa che inizierà a dire la verità su chi davverò ambirà alla vittoria della corsa rosa del prossimo anno: caratteristica basilare, l'assenza di tratti pianeggianti. In uno sforzo di circa 50 minuti, i corridori dovranno dare davvero il massimo.

     

    Si partirà da Radda in Chianti e si toccano i luoghi chiave del Consorzio Chianti Classic, che è prtner fondamentale in questo clamoroso arrivo del Giro d'Italia nel nostro territorio e che così celebrerà i 300 anni dalla nascita della denominazione.

     

    A Castellina in Chianti si sfiorerà il centro medievale (qui ci sarà un rilevamento cronometrico); poi San Donato in Poggio con la Madonna di Pietracupa, Sicelle, Panzano in Chianti.

     

    E alla fine Greve in Chianti, con l'arrivo nella favolosa cornice di piazza Matteotti.

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua