spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 8 Dicembre 2021
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Tiravento, 3 bus alla marcia Perugia-Assisi. Un fiume colorato di arcobaleni e migliaia di sorrisi

    In testa al corteo tanti giovani studenti. L'affresco e le foto di una giornata speciale e oggi, sabato 16 ottobre, l'associazione sarà presente alla manifestazione a Roma

    GREVE IN CHIANTI – Un fiume colorato di arcobaleni, striscioni, stanchezza e migliaia di
    sorrisi dietro le mascherine. In testa al corteo tanti giovani studenti.

    Questo l’affresco della Perugia-Assisi, una bella giornata di impegno in occasione della 60° Marcia nazionale per la pace che si è svolta domenica scorsa e a cui abbiamo convintamente partecipato con ben tre pullman di cittadini dei nostri territori.

    Nonostante le numerose difficoltà purtroppo imposte anche dall’emergenza covid abbiamo ritenuto questo appuntamento particolarmente significativo proprio per l’urgenza e l’attualità dei temi messi al centro della manifestazione.

    “I care”, mi interessa, mi sta a cuore, il titolo scelto dagli organizzatori della marcia con la convinzione che proprio la “cultura della cura” sia la strada per costruire la pace fra i popoli e un mondo più giusto. Partendo dal messaggio di don Milani, dunque, un invito alla cura delle giovani generazioni, dell’ambiente e del pianeta, dei beni comuni, dei diritti umani, della democrazia.

    Abbiamo camminato con don Luigi Ciotti, Presidente nazionale di Libera e ascoltato gli interventi conclusivi di Cecilia Strada, figlia di Gino Strada a cui era dedicata la marcia, Zakia Seddiki, moglie dell’ambasciatore Luca Attanasio, scomparso lo scorso febbraio in un agguato nella Repubblica Democratica del Congo, padre Alex Zanotelli e Mimmo Lucano, l’ex sindaco di Riace, uno dei simboli dell’accoglienza e dell’integrazione.

    Un grazie a tutte le realtà locali che hanno aderito e collaborato con noi all’organizzazione dei pullman e della giornata: Presidio Libera contro le mafie di Greve, Circolo Arci di Impruneta, Greve e Panzano, Spi Cgil di Greve e Strada e Panzano, Proloco Panzano, Comitato Selma presente ad Assisi anche con banchino in solidarietà al popolo Saharawi, Gruppo San Michele, Coop di Greve e Panzano.

     

    Sui pullman presenti molti ragazzi giovani che ringraziamo assieme a tutti gli altri partecipanti. L’applauso più grande vogliamo farlo in particolare ad Amalia, la bimba grevigiana più piccola di tutti i nostri marciatori presenti che si è fatta, senza indugi, 15 km di marcia.

    Prendersi cura è l’invito che abbiamo ricevuto ad Assisi e per questo, come associazione, saremo anche presenti Sabato 16 ottobre alla manifestazione nazionale a Roma, “Mai più fascismi”, indetta dalle sigle sindacali.

    Consideriamo fondamentale il diritto di ognuno a manifestare il proprio pensiero, anche di dissenso, ma condanniamo qualsiasi forma di violenza e intimidazione che minacci la nostra
    democrazia.

    Quello che è accaduto sabato scorso nella sede nazionale della Cgil merita una risposta forte e decisa da parte di tutti di i cittadini che hanno a cuore il nostro paese e la nostra Costituzione antifascista.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...