lunedì 10 Agosto 2020
Altre aree

    Tutti i segreti dell’abbinamento fra cibo e vino svelati dal Sommelier Paolo Mazzoni

    "Dobbiamo aiutare le persone a comprendere meglio il vino sotto ogni suo aspetto. Aiutare ristoratori e clienti ad esaltare il vino abbinato al cibo"

    GREVE IN CHIANTI – Abbinamento cibo-vino. Quante volte ci sentiamo ripetere questa “accoppiata”- Ma per poterla rendere unica e inimitabile servono professionisti veri.

    Francesco Bussotti, del ristorante Diversus a Greve in Chianti, ci ha confidato che per garantire un perfetto abbinamento tra i piatti nel menu ed i vini in degustazione, si affida ad un Sommelier per ricevere delle indicazioni sugli ingredienti da usare per i vari piatti.

    Oltre a questo organizza proprio delle serate a tema, dove fa scegliere una selezione di vini al Sommelier che poi accompagna i presenti nella degustazione e nella loro scoperta.

    L’artefice di questa esperienza è il Sommelier Paolo Mazzoni. Lo abbiamo incontrato per conoscerlo meglio e per capire quanto nella visione moderna della ristorazione i Sommelier siano importanti.

    “Mi chiamo Paolo Mazzoni, ho 39 anni e sono un Sommelier – comincia così la nostra chiacchierata con Paolo – Negli ultimi anni il ruolo del Sommelier è molto cambiato. Siamo esperti conoscitori di vino sotto ogni suo aspetto, ma il mio obbiettivo è dare la possibilità a tutti di iniziare a capire le basi della valutazione, riuscendo in questo modo ad apprezzare maggiormente il prodotto che hanno nel bicchiere. Nel mondo del del cibo, dobbiamo riuscire a creare delle combinazioni piatto/vino dove il piatto esalti il vino ed il vino esalti il piatto”.

    Paolo Mazzoni, Sommelier, collabora con il ristorante Diversus a Greve in Chianti

    “La mia è stata una formazione importante ed impegnativa – ci dice Paolo – ho iniziato a lavorare presso un’azienda agricola, la passione per il vino mi ha avvicinato al mondo della Sommelleria. Ho fatto il primo corso a Firenze presso l’Associazione Europea Sommelier, per poi spostarmi a Milano ed iscrivermi all’ASPI”.

    “Come dicevo prima – ci spiega Paolo – il nostro ruolo è molto cambiato negli ultimi anni, dobbiamo aiutare le persone a comprendere meglio il vino sotto ogni suo aspetto e dobbiamo aiutare ristoratori e i cittadini a comprendere quali siano le caratteristiche dei cibi che vanno ad esaltare il vino abbinato e vice versa. La difficoltà del nostro lavoro consiste proprio in questo, riuscire a creare un binomio perfetto tra il piatto ed il vino selezionato”.

    “Con il Ristorante Diversus abbiamo creato un’ottima sintonia – prosegue – Francesco ha capito prima di molti altri l’importanza di avere una buona squadra di collaboratori, perciò quando serve indico degli ingredienti da abbinare ai vari tipi di vino e la chef Elisa prepara dei magnifici piatti con le indicazioni ricevute”.

    “Altro aspetto che mi esalta di Diversus – continua nella sua rappresentazione Paolo – è la voglia di innovare, provare e divertirsi. Questo è proprio la filosofia di Diversus che si specchia con la mia. Ogni estate riusciamo ad organizzare delle serate, dove sono presente anche io in sala, nelle quali facciamo abbinamenti anche molto forti, serate che ricevono sempre un ottimo riscontro sia prima, generalmente sono sold-out che attraverso i commenti ed i ringraziamenti delle persone a fine serata”.

    “In conclusione – ci saluta Paolo – per fare le cose per bene serve professionalità, impegno e passione, tutte le caratteristiche che si ritrovano in Francesco nel suo Ristorante Diversus”.

    E proprio da Diversus giovedì 16 luglio altra serata imperdibile, in cui il cibo si abbinerà in maniera perfetta al vino.

    Accompagnati da musica jazz, potrete apprezzare una magnifica degustazione di caviale Calvisius, accompaganata da “bollicine” Ferrari.

    Il tutto nella magnifica location del Diversus: ovvero nel cuore di Greve in Chianti, a bordo piscina, in uno spazio che già da solo è magico.

    Immaginate come possa diventare con caviale e “bollicine”. E musica jazz… .

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino