spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 26 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Si inaugura il prossimo 12 dicembre a Chiocchio: soddisfatto l’assessore Romiti

    CHIOCCHIO (GREVE IN CHIANTI) – L'inaugurazione del nuovo ufficio "Ecco Fatto" al circolo Arci di Chiocchio, che in pratica va a sosituire il soppresso ufficio postale, avverrà giovedì 12 dicembre alle 12.15.

     

    Si tratta di un'iniziativa di Uncem Toscana e Regione Toscana, e riveste per i nostri territori comunali un'importanza fondamentale in un momento in cui la tendenza generale di vari enti fornitori di servizi al cittadino, si è rivelata quella di ridurre sempre più gli sportelli al pubblico all'insegna del contenimento della spesa economica.

     

    "Questi eventi – dice l'assessore Stefano Romiti – comportano un aumento del bisogno di mobilità, ma spostarsi oggi ha dei costi sempre maggiori sia diretti, talvolta insostenibili per le famiglie, che indiretti, quelli che paghiamo attraverso le tasse per riuscire a garantire il servizio di trasporto pubblico".

     

    "Le amministrazioni pubbliche infatti – sottolinea – sono troppo spesso costrette a distogliere dai bilanci importanti risorse economiche per garantire una mobilità conseguente alla carenza di servizi nei centri abitati".

     

    "L'attivazione degli uffici Ecco Fatto – dice ancora – che sfruttano le potenzialità delle reti informatiche, rappresenta un primo basilare passo nella direzione opposta, l'avvio cioè di un percorso che ritorni a delocalizzare i servizi rimettendo al centro del mondo le persone".
     

    "Iniziamo dalla frazione di Chiocchio – conclude – con l'auspicio che sia solo il primo degli uffici nel comune di Greve in Chianti".
     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...