spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 2 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Una piantina di Cannabis Sativa nei vasi accanto al Comune di Greve in Chianti

    Viene coltivata principalmente per impieghi industriali, nella lavorazione tessile ed edilizia. Non mancano però gli scopi terapeutici e "ricreativi"...

    GREVE IN CHIANTI – Iniziativa di un burlone, che ha piantato un semino aspettando che poi germogliasse? Chissà… .

    Fatto sta che nel pomeriggio di ieri, giovedì 12 agosto, in mezzo alla calura di questi giorni da bollino rosso (per il caldo) a Greve in Chianti si è diffusa una voce.

    “C’è una pianta di marijuana nelle fioriere del palazzo comunale”: e che si è, come accade sempre di questi casi, rapidamente amplificata.

    Da lì ecco il “sopralluogo” di molti, andati fino in piazza Matteotti a controllare. Ed effettivamente una piantina c’era.

    Facendo un veloce controllo, sembra si tratti proprio di Cannabis Sativa, che viene coltivata principalmente per impieghi industriali, nella lavorazione tessile ed edilizia.

    Non mancano però gli scopi terapeutici e “ricreativi”.

    La Cannabis Sativa contiene infatti centinaia di sostanze chimiche, circa 60 delle quali appartengono ai cannabinoidi, i tipici composti psicoattivi tra cui compare il THC.

    Insomma, se qualcuno voleva fare uno scherzo… c’è riuscito. Facendo nascere una piantina di Cannabis (non sembra certo piantata) a pochi metri dall’ingresso del palazzo comunale grevigiano.

    Già nella mattinata di oggi, venerdì 13 agosto, la piantina era stata rimossa.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...