spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 15 Aprile 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Variante strumenti urbanistici: a Greve parte il percorso di partecipazione e informazione

    I cittadini potranno prendere parte attivamente all'elaborazione della variante di medio termine presentando proposte, suggerimenti e progetti

    GREVE IN CHIANTI – Nell’elaborazione degli strumenti urbanistici che disegnano il futuro del territorio, il Comune di Greve in Chianti condivide le finalità e si rivolge anche alle proposte dei cittadini.

    Per la stesura della variante di medio termine al Piano strutturale e al Piano operativo la giunta comunale avvia un percorso di partecipazione e informazione e invita cittadini, associazioni e operatori, a proporre contributi e suggerimenti “in linea con le prospettive di sviluppo sostenibile perseguite dal Comune e gli obiettivi e i contenuti del quadro di riferimento regionale”.

    “Il nostro obiettivo – fa sapere il sindaco Paolo Sottani – è raccogliere i contributi dei cittadini, fondamentali per la formazione della variante di medio termine con la quale intendiamo aggiornare e migliorare la strumentazione urbanistica vigente, in particolare per mantenere adeguati alla normativa il Piano Strutturale ed il Piano Operativo”.

    “Seppur non vincolanti, le proposte e i progetti della comunità – continua il primo cittadino – hanno carattere propositivo e offriranno un supporto utilissimo nel processo decisionale della variante che iniziamo a predisporre”.

    Il Comune ha approvato un avviso pubblico che indica e dettaglia i contenuti delle manifestazioni di interesse.

    Le proposte, conformi ai contenuti del Piano di Indirizzo Territoriale con valenza di piano paesaggistico PIT-PPR, possono riguardare le schede conoscitive e le schedature degli edifici per l’aggiornamento della disciplina degli interventi da consentire sugli edifici facenti parte del patrimonio edilizio esistente e di valore storico testimoniale.

    I cittadini possono presentare inoltre contributi e suggerimenti tecnici e normativi per l’attuazione degli strumenti urbanistici e interventi puntuali o di area sul territorio comunale per la riqualificazione degli insediamenti e la rigenerazione urbana.

    I soggetti interessati dovranno presentare i loro contributi in formato digitale e/o cartaceo, accompagnati da una lettera di trasmissione che riporta l’indicazione del nome e cognome del proponente, la titolarità, se pertinente, e della copia del documento d’identità del firmatario.

    L’oggetto della trasmissione deve essere: “Procedimento di formazione della variante di medio termine al Piano Strutturale e Piano Operativo – contributo-manifestazione di interesse all’Avviso Pubblico”.

    La documentazione, presentata a supporto, dovrà illustrare e descrivere compiutamente la proposta supportata, se ritenuto necessario, anche da fotografie, inquadramento territoriale, schemi grafici e da soluzioni progettuali, dimensionamento, relazioni tecniche di fattibilità.

    Il termine ultimo per presentare le manifestazioni di interesse è il 14 marzo 2022. Entro questa data i suggerimenti dovranno essere inviati a mezzo pec: comune.greve-in-chianti@postacert.toscana.it o in forma cartacea, presentate o indirizzate all’Ufficio Protocollo del Comune di Greve in Chianti.

    Info: Ufficio Urbanistica, email ufficiodipiano@comune.greve-in-chianti.fi.it.

    Il Comune ha organizzato due assemblee legate al percorso partecipativo e di informazione sugli obiettivi della variante di medio termine.

    La prima è riservata ai tecnici che operano nel territorio comunale in programma il 22 febbraio. La seconda riservata alla cittadinanza prevista il 25 febbraio alle ore 18.15. Questo il link per partecipare: https://meet.goto.com/726196277.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...