spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 18 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Caos centrodestra a Greve. Verniani: “Non mi candido in lista. Non usino il mio nome”

    Dopo la decisione di candidare a sindaco Claudio Gemelli: "Non utilizzino la mia persona per raccogliere le firme"

    GREVE IN CHIANTI – E' un centrodestra a pezzi quello che si appresta a vivere un mese di campagna elettorale verso le elezioni amministrative del 26 maggio.

     

    Dopo le settimane di tensioni, di incontri, di fumate nere, la fumata bianca che ha portato alla candidatura a sindaco di Claudio Gemelli, 31 anni, avvocato scandiccese, coordinatore provinciale di Fratelli d'Italia, ha fatto esplodere la situazione.

     

    In particolare quello che era parso per mesi il candidato in pectore, Simone Verniani, consigliere comunale uscente della Lega, sbatte la porta. E se ne va.

     

     

    Sconfessando anche lo stesso Gemelli, che all'indomani della sua candidatura aveva detto che lo stesso Verniani sarebbe stato comunque in lista, candidato al consiglio comunale.

     

    "Non sarò in  alcuna lista – ci dice Verniani – e diffido chiunque ad andare in giro a raccogliere le 170 firme per la sua presentazione dicendo che ci sarò. Io non mi candido al consiglio comunale".

     

    Una conclusione (politicamente) drammatica. Che potrebbe avere strascichi ulteriori. "Se lascerò la Lega? E' una domanda – risponde Verniani – alla quale al momento non voglio rispondere".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...