spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 1 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Panoramico percorso sul tracciato di un’antica strada etrusca che collegava Fiesole e Volterra

    CINTOIA (GREVE IN CHIANTI) – Nella valle di Cintoia, sulla strada dei castelli fra ville, ponti, casate e mulini: domenica 1 dicembre panoramico percorso sul tracciato di un'antica strada etrusca che collegava Fiesole e Volterra per l'uscita de Le Vie del Chianti.

     

    L'itinerario porta nella splendida campagna intorno a Cintoia, dove il paesaggio conserva intatte le tracce che l'uomo ha lasciato nei secoli in queste terre.

     

    Tra boschi ed uliveti alla scoperta dei magnifici castelli che dominano la valle del torrente Sezzate, antichi guardiani di un'importante via di comunicazione etrusca, poi ripresa dai romani, che collegava originariamente le città di Fiesole e di Volterra. Dal Castello di Mugnana a quello di Sezzate poi risaliremo il torrente fino al Castello di Cintoia, un tempo fortificato, oggi un delizioso borgo immerso in fiabesche atmosfere.

     

    Da qui l'itinerario ridiscende al torrente per risalire all'abitato di Cintoia. Seguendo quindi strade forestali chiuderemo l'anello per ridiscendere nuovamente al Castello di Mugnana.

     

    Ritrovo: ore 9 presso il parcheggio della Piscina del Chianti a San Casciano. Durata escursione: intera giornata. Occorrente: pranzo al sacco, acqua, scarpe da trekking. Lunghezza: circa 12 km. Difficoltà: facile. Impegno: medio. Quota di partecipazione: 10 euro per persona.

     

    Info e prenotazioni: Eleonora 392 0579570 – Sarah 328 9043252 – Samuele 338 4611098 – leviedelchianti@gmail.com   –   www.leviedelchianti.it.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...