spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Selezionate le studentesse vincitrici della borsa di studio “Lucrezia Borghi”

    Giulia Grassi e Giulia Scola si sono aggiudicate la prima edizione in memoria della giovane scomparsa nel 2016

    GREVE IN CHIANTI – Sono state selezionate le universitarie vincitrici della prima edizione della borsa di studio che porta il nome e il ricordo di Lucrezia Borghi, la studentessa grevigiana che fu fra le vittime dell'incidente del pullman che trasportava giovani in Erasmus, in Spagna, nel marzo 2016.

     

    Si chiamano Giulia Grassi e Giulia Scola. Provengono dal Chianti e sono iscritte, la prima, alla Scuola di Studi Umanistici e della Formazione – Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria, la seconda alla Scuola di Scienze della Salute Umana – Corso di Laurea in Infermieristica. Entrambe sono studentesse dell’Università di Firenze.

     

    Le ragazze riceveranno, ognuna, una somma pari a 700 euro. Le risorse, stanziate per l'attivazione di due borse di studio del valore complessivo di 1400 euro, provengono dal Comune di Greve in Chianti e da Rotaract San Casciano Chianti.

    La cerimonia di consegna si terrà sabato 21 gennaio alle 17 nella Sala Margherita Hack di Greve in Chianti.

     

    Saranno presenti il Magnifico Rettore dell’Università di Firenze Luigi Dei, il preside della Scuola di Economia e Management dell’Università degli Studi di Firenze Vincenzo Zampi, la responsabile del servizio Relazioni Internazionali della Scuola di Economia e Management Silvia Scaramuzzi.

     

    L’iniziativa della borsa di studio, promossa dal Comune di Greve in Chianti e condivisa dal consiglio comunale, vuole ricordare le qualità della studentessa che lo scorso anno ha perso la vita in Spagna a causa di un incidente stradale.

     

    Alla realizzazione di questa prima edizione hanno partecipato otto studenti, già iscritti al progetto di mobilità internazionale Erasmus Plus. Alla sua realizzazione ha collaborato Rotaract Club-San Casciano Chianti che si è attivato nella ricerca di fondi e risorse aggiuntive per la creazione di borse di studio del valore di 700 euro.

    “La borsa di studio – commenta il sindaco Paolo Sottani – la cui assegnazione è disciplinata da un apposito regolamento, esprime il ricordo di Lucrezia, vittima dell'incidente a Tarragona, un'iniziativa che vuole rievocare simbolicamente i talenti e le qualità della nostra concittadina, una studentessa socievole, allegra, che nutriva una forte passione per lo studio delle lingue straniere e la conoscenza di culture e tradizioni diverse, che amava viaggiare e circondarsi di amici, una ragazza che brillava nel suo paese per la spensieratezza e la giovialità".

     

    "Lucrezia – conclude Sottani – sapeva interagire con gli altri, era una giovane molto stimata e apprezzata con un carattere forte ed energico, in lei spiccava la capacità di affrontare la vita con coraggio, fiducia e ottimismo”.

     

    Quanto alla borsa di studio, il primo cittadino tiene a precisare che il progetto si pone “l’obiettivo di offrire un supporto agli studenti, già iscritti al progetto Erasmus, che hanno minori strumenti e possibilità economiche. Mi sono impegnato a promuovere questa iniziativa fino al 2019, mi auguro tuttavia che la borsa di studio possa continuare negli anni successivi e nel futuro diventi uno strumento che incentivi i giovani a partecipare al progetto Erasmus”.

     

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...