spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 29 Maggio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Vuoi farti il “tuo” olio? Il Comune di Greve in Chianti sta assegnando gli oliveti pubblici

    Sono gli "oliveti sociali", suddivisi in 10 lotti in aree a verde pubblico nelle località Strada in Chianti, Panzano in Chianti e Chiocchio. Ecco come farsi avanti

    GREVE IN CHIANTI – Vuoi produrre il “tuo” olio extravergine d’oliva? A Greve in Chianti potrà farlo anche chi non ha piante, grazie a una iniziativa dell’amministrazione comunale.

    Una iniziativa, spiegano dal palazzo comunale, “nell’ambito delle politiche finalizzate al miglioramento dei percorsi di carattere sociale”.

    In questo senzo, l’amministrazione comunale promuove “la realizzazione di iniziative diffuse di agricoltura sociale, di tutela ambientale e del paesaggio urbano e rurale, di forme di sostenibilità di pratiche di coltivazione degli oliveti eco-compatibili”.

    E ancora, “di sostenibilità delle tradizioni e memorie agricole del territorio, favorendo la partecipazione dei cittadini alla valorizzazione e fruizione di spazi verdi, attualmente sottoutilizzati o abbandonati, con l’individuazione di oliveti sociali”.

    Gli oliveti sociali individuati sono suddivisi in 10 lotti posti all’interno di aree a verde pubblico nelle località Strada in Chianti, Panzano in Chianti e Chiocchio.

    Gli interessati dovranno presentare la domanda secondo un modello specifico in base alla categoria di appartenenza (famiglie, scuole, associazioni o persone seguite da servizi sociali) e dovranno specificare quale oliveto desiderano gestire.

    Scadenza delle domande: 13 giugno 2022.

    Si può scaricare l’avviso, la modulistica e le planimetrie dei lotti qui.

    Informazioni: Ufficio Ambiente, 0558545273 – 0558545268 – ambiente@comune.greve-in-chianti.fi.it.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...