spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 13 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    76esimo anniversario del bombardamento su Impruneta: oggi le campane, domenica la Messa

    "Quest'anno - dichiara il sindaco Alessio Calamandrei - a causa del Covid, abbiamo deciso di limitare le iniziative alla sola benedizione, per dare il buon esempio contro ogni assembramento"

    IMPRUNETA – Venerdì 24 luglio 2020: 76° anniversario bombardamento di Impruneta.

    “Oggi alle 17 – annuncia una nota dell’amministrazione comunale – risuoneranno i rintocchi delle campane, in memoria dell’inizio dei bombardamenti del ’44 su Impruneta”.

    “Domenica mattina – aggiungono – alle 11, Santa Messa di suffragio a ricordo di tutti gli imprunetini morti sotto il bombardamento”.

    A seguito della celebrazione eucaristica, la benedizione dei luoghi bombardati (via Cavalleggeri e via Mazzini), concludendo con la benedizione della lapide posta sotto il loggiato del comune.

    “Quest’anno – dichiara il sindaco Alessio Calamandrei – a causa del Covid, abbiamo deciso di limitare le iniziative alla sola benedizione, cercando di dare il buon esempio contro ogni assembramento anche se per una giusta causa”.

    “Ringrazio anche la Filarmonica Giuseppe Verdi – tiene a dire – che aveva dato la propria disponibilità. Ovviamente ogni cittadino è invitato a partecipare, mantenendo il distanziamento sociale, e dotato di mascherina”.

    “Oggi abbiamo una guerra diversa da combattere – conclude il primo cittadino – molto più subdola, per alcuni invisibile, ma tutto questo non può e non deve distoglierci dal ricordare, ognuno nel proprio cuore, i familiari e amici che persero la vita in quei giorni che seppur lontani, rimangono assurdi e inutili”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...