spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 14 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    95esima Festa dell’Uva: un ricco programma di eventi a Impruneta (nonostante il Covid)

    Tre le domeniche speciali: 12 settembre presentazione della 36ª Etichetta D'Autore, 19 settembre Peposo Day e il 26 settembre con i quattro carri dei rioni in piazza Buondelmonti

    IMPRUNETA – Dopo lo stop del 2020 dovuto all’emergenza sanitaria nel nostro Paese, torna a Impruneta la Festa dell’Uva, evento che quest’anno raggiunge la 95esima edizione.

    E che si svolgerà domenica 26 settembre in piazza Buondelmonti, con la sfilata dei carri dei quattro rioni. Ma senza figuranti e coreografie danzanti.

    “La Festa dell’Uva si avvia verso il centenario e dobbiamo dircelo; la strada non è sempre stata liscia e rettilinea” racconta Riccardo Lazzerini, presidente dell’Ente Festa dell’Uva di Impruneta.

    “Prima la guerra – prosegue – con una rinascita complessa e discussa, e adesso la pandemia. Alti e bassi anche durante il consueto scorrere degli anni ma una volontà di ferro nello sconfiggere le avversità”.

    “Ecco perché sentiamo forte il dovere di resistere – puntualizza Lazzerini – e soprattutto di proporre un programma che sia all’altezza del blasone di questa Festa; un programma che tenga conto della situazione emergenziale che rimane, purtroppo, ancora importante.”

    “Finalmente ripartiamo – spiega Alessio Calamandrei, sindaco di Impruneta – con una ripresa della vita all’interno dei rioni di Impruneta che si sono confermati all’altezza di quello che mi aspettavo: molto uniti e diligenti”.

    “Quest’anno – specifica – porteremo in piazza solo alcune coreografie che prevedono un carro per rione. In un certo senso potremmo dire che si tratta di un ritorno alle origini, quando in passato la festa dell’uva consisteva solo nell’esibizione dei carri, senza coreografia”.

    Ci sarà, come tradizione, l’etichetta d’autore. La prima risale al 1986, e vanta un albo ricco di artisti illustri: Folon, Scatizzi, Talani solo per ricordarne alcuni.

    Artisti di fama internazionale che negli hanno prestato la loro opera ed il loro ingegno per la realizzazione di opere uniche, tutte esposte presso il Museo Festa dell’Uva ad Impruneta.

    Un connubio perfetto nato grazie alla caparbietà di Tullio Del Bravo, che riuscì nell’audace progetto di unire i protagonisti di una festa consolidata ovvero l’uva, e il vino. Con artisti affermati.

    Albo storico completo

    1986, Pietro Annigoni  | 1987, Renzo Grazzini | 1988, Silvio Loffredo | 1989, Enzo Faraoni | 1990, Franco Messina | 1991, Silvestro Pistolesi | 1992, Romano Stefanelli | 1993, Pietro Signorelli | 1994, Alessandro Amoroso |1995, Italo Pettinato | 1996, Paolo Frosecchi | 1997, Luca Alinari | 1998, Tonino Caputo | 1999, Raffaele Del Savio | 2000, Mario D’Elia | 2001, Roberto Masi | 2002, Giuseppe Ciccia | 2003, Renato Martens ­­­| 2004, Marcello Guasti | 2005, Jean Michel Folon | 2007, Francesco Nesi | 2008, Sergio Scatizzi | 2009,  Giampaolo Talani | 2010, Giuliano Ghelli | 2011, Antonio Ciccone | 2012, Rocco Normanno | 2013, Anna Di Volo | 2014, Giovanni Maranghi | 2015, Danilo Fusi | 2016, Vieri Torelli | 2017, Daniele Leone | 2018, Elisabetta Rogai | 2019, Fuad Aziz | 2020, Silvia Serafini

    Ricco il programma di attività collaterali che precederanno la Festa del 26 settembre, eventi che si svolgeranno in completa sicurezza anti Covid.

    Il direttivo dell’Ente Festa dell’Uva ha stabilito infatti che, ad esempio, per entrare nelle sedi rionali sarà obbligatorio esibire il Green Pass o, in alternativa, un tampone negativo eseguito nelle ultime 48 ore, l’obiettivo infatti è quello di garantire lo svolgimento di tutte le iniziative che ruotano intorno alla Festa dell’Uva in completa sicurezza.

    PROGRAMMA DEI PRINCIPALI EVENTI

    Mercoledì 8 settembre

    Ore 21 – Concerto della “Rewind Band” (della Filarmonica G. Verdi di Impruneta), diretta dal Maestro Leonardo Cremonini, con la partecipazione di Paola Guadagno, musiche di J. Harris, S. Wonder, Lady Gaga, Bon Jovi, Led Zeppelin in piazza Buondelmonti, organizzato dal Circolo S. Giuseppe di Impruneta. Durante la serata sarà premiata la Rificolona più originale e quella più in tema con la Festa dell’Uva.

    Giovedì 9 settembre

    Ore 21 – “La Musica mi ha salvato la vita, memorie di Vasco Sieni”, edito da Florence Art Edizioni, libro inedito che ripercorre sconcertanti episodi vissuti a cavallo della Seconda Guerra Mondiale e i bombardamenti su Impruneta, in piazza Buondelmonti, organizzato dal Circolo S. Giuseppe di Impruneta.

    Venerdì 10 settembre

    Ore 19 – “Dante Lirico Game”, nel 700° anno dalla morte di Dante Alighieri, operetta a cura del Maggio Musicale Fiorentino (Maggio Metropolitano 2021), nuovo allestimento del Teatro del maggio Musicale Fiorentino in coproduzione con Venti Lucenti, in collaborazione con l’Accademia del Maggio Musicale Fiorentino, piazza Buondelmonti. 

    Prenotazione obbligatoria: prenotazioniimpruneta@gmail.com

    Prosegue la “Collettiva d’estate” dell’associazione Art Art (fotografia – pittura – scultura e altre forme d’arte) presso la Galleria IAC – Via della Croce, 41 Impruneta.

    Ore 21.15 – “Burraco…Fuori dal Comune e 1° Torneo tra Rioni imprunetini”, organizzato in Piazza Buondelmonti dalla Società Corale di Impruneta APS e l’associazione APS La Pinella, vige regolamento FITAB. (per info e prenotazioni Soc. Corale Impruneta 3339308176 oppure APS La Pinella 3393409529).

    Domenica 12 settembre

    Ore 11 – “Benedizione delle bandiere rionali” presso la Basilica di Santa Maria All’Impruneta. Presiede Monsignor Luigi Oropallo.

    Ore 16.30 – presso la Sala Binazzi, presentazione della 36ª Etichetta D’Autore del pittore Luciano Pasquini in occasione dell’inaugurazione della mostra personale “Sul sentiero del primo respiro” dedicata alla maestra Maria Maltoni.

    L’artista ha deciso di destinare i proventi integrali della vendita di otto opere inedite in favore dell’Ospedale Pediatrico Mayer, gli interessati potranno acquistarle mediante donazione equivalente all’importo dell’opera.

    Mercoledì 15 settembre

    Ore 19 – “Canaiolo sotto la Stella”, presso la Casa del Popolo di Impruneta, degustazione guidata di 8 vini Canaiolo Nero in Purezza, evento organizzato dalla Casa del Popolo di Impruneta, in collaborazione con la FISAR Firenze.

    Sabato 18 e domenica 19 settembre – Tutto il giorno

    “Torneo di solidarietà rionale”, Giornate di Donazioni del Sangue organizzate dal Gruppo Fratres di Impruneta in collaborazione con i Rioni presso il Poliambulatorio della Misericordia di Impruneta.

    Ore 12 – “Musealizzare il patrimonio intangibile”: il caso del Museo della Festa dell’Uva di Impruneta, attraverso la Tesi di Laurea di Annalisa Pacini.

    In questa occasione sarà presentato e inaugurato ufficialmente il “Virtual-Tour” del Museo della Festa dell’Uva di Impruneta (realizzato da BA-ENGENIRING).

    Domenica 19 settembre

    Dalle ore 11 per tutto il giorno, in Piazza Buondelmonti, “Peposo Day”, degustazione del piatto tipico imprunetino, accompagnato dal vino del territorio.

    In piazza Buondelmonti, mercatino gastronomico ed esposizione di auto e moto storiche del RIAMS (registro storico italiano).

    Ore 19 – Gara del miglior “Peposo rionale”, giudicato da una Giuria di esperti composta da Dario Cecchini, macellaio di Panzano in Chianti, presidente di giuria, da Luca Cai, Osteria Tripperia “Il Magazzino”, da Felicia Palombo, Fattoria di Luiano, e dal giornalista enogastronomo Leonardo Romanelli.

    Domenica 26 Settembre

    95° FESTA DELL’UVA DI IMPRUNETA: dalle ore 13 in piazza Buondelmonti rievocazione statica con i carri dei quattro rioni.

    Rione delle Sante Marie – Rione delle Fornaci – Rione del Pallò – Rione del Sant’Antonio.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...