spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 4 Marzo 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    A Impruneta un nuovo simbolo contro la violenza sulle donne: panchina rossa in via Nenni

    L'iniziativa è stata promossa dall'Auser di Impruneta, che ha provveduto al restauro e alla nuova colorazione

    IMPRUNETA – È stata inaugurata questa mattina, sabato 25 novembre, in occasione della Giornata contro la violenza sulle donne, la panchina rossa di via Pietro Nenni a Impruneta.

    L’iniziativa è stata promossa dall’Auser di Impruneta, che ha provveduto al restauro e alla nuova colorazione.

    All’inaugurazione era presente anche l’assessora ai servizi socio sanitari Lara Fabbrizzi, che ha sottolineato “l’importanza di tutte quelle iniziative che contribuiscono a lottare contro la piaga del femminicidio e della violenza”.

    “La panchina rossa – ha detto l’assessora Fabbrizzi – è un simbolo forte e un monito a tutti per dire basta alla violenza sulle donne”.

    “È un messaggio di speranza – ha specificato – per tutte le donne che vivono situazioni di violenza e un invito a denunciare e a chiedere aiuto”.

    La panchina rossa è un’installazione artistica che è stata diffusa in tutto il mondo come simbolo della lotta contro la violenza sulle donne.

    Il colore rosso è un richiamo al sangue versato dalle donne vittime di violenza e al loro desiderio di essere ascoltate e di avere giustizia.

    Anche la panchina rossa di via Pietro Nenni è quindi un nuovo punto di riferimento per Impruneta.

    Una sorta di “segnalibro” quotidiano; un invito a tutti a riflettere sul tema della violenza sulle donne e a fare la propria parte per contrastarla. Ogni giorno.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...