domenica 9 Maggio 2021
Altre aree

    A1: chiusura della stazione di Firenze Impruneta in direzione Bologna. Dal 6 al 10 maggio

    Intervento di manutenzione conservativa al cavalcavia situato al km 293+000: attività pianificate "in continuità, comprimendo al minimo la durata delle attività"

    IMPRUNETA – Sulla A1 Milano-Napoli, a seguito di attività di ispezione alle opere d’arte, svolte secondo le modalità previste dalle linee di indirizzo del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, si è reso necessario programmare un intervento di manutenzione conservativa al cavalcavia situato al km 293+000.

    Le attività, pianificate fino al 10 maggio, verranno svolte in continuità, comprimendo al minimo la durata delle attività.

    Per poter espletare gli interventi manutentivi in piena sicurezza, sarà necessario chiudere la stazione di Firenze Impruneta, in entrata verso Bologna, dalle 22 di giovedì 6 alle 6 di lunedì 10 maggio e comunque fino al termine delle attività.

    In alternativa si consiglia di entrare alla stazione di Firenze Scandicci.

    Costanti aggiornamenti sulla situazione della viabilità e sui percorsi alternativi sono diramati tramite i collegamenti “My Way” in onda su Sky Meteo24 (canale 502 Sky), su Sky TG24 (canali 100 e 500 Sky e canale 50 del digitale terrestre), su La7 e La7d (canale 7 e 29 del digitale terrestre).

    E sui seguenti canali: sulla App My Way scaricabile gratuitamente dagli store di Android e Apple, sul sito autostrade.it, su RTL 102.5, su Isoradio 103.3 FM, attraverso i pannelli a messaggio variabile e sul network TV Infomoving in area di servizio.

    Per ulteriori informazioni si consiglia di chiamare il call center Autostrade al numero 840042121, attivo 24 ore su 24.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...