giovedì 24 Settembre 2020
Altre aree

    Alessio Calamandrei e la tentazione della candidatura con Italia Viva alle elezioni regionali

    Una richiesta arrivata da molto in alto, da chi ha condiviso fin da lontano un percorso politico insieme a lui. Le riflessioni fino a quella che ormai sembra la decisione finale

    IMPRUNETA – La questione sembrerebbe già rientrata, e il sindaco di Impruneta Alessio Calamandrei porterà a conclusione senza “tentazioni” gli altri due anni e mezzo di mandato alla guida dell’amministrazione comunale imprunetina.

    Ma per alcune ore l’idea di lasciare il Partito democratico, per aderire a Italia Viva e candidarsi alle elezioni regionali del prossimo settembre, sembra sia stata davvero forte.

    “Una richiesta arrivata da molto in alto” sussurrano nei corridoi della politica chiantigiana. Probabilmente da quel Matteo Renzi con il quale Calamandrei ha camminato lungamente a fianco nel suo percorso politico. 

    Da qui la riflessione, arrivata anche per senso di rispetto verso colui con il quale il primo cittadino di Impruneta ha condiviso molto. 

    Calamandrei fu infatti uno dei più attivi nel comitato che portò Renzi alla vittoria alle primarie del 2008, e poi alle comunali del 2009 a Firenze.

    “Renziani” che poi sono stati la base, in particolare, della vittoria di Calamandrei alle primarie che lo videro battere Marco Pistolesi, e poi candidarsi a sindaco di Impruneta nel 2013. 

    Sono state riflessioni importanti e pesanti per Calamandrei. Discusse sia con il Pd imprunetino che con quello di area Chianti. Che ovviamente non sarebbe certo stato contento di un sindaco che lascia i Dem a metà mandato per “abbracciare” Italia Viva.

    Possibilità di un’eventuale elezione in consiglio regionale una volta che Calamandrei si fosse candidato con Italia Viva? Chi lo può dire. Di sicuro non altissime. Questa valutazione avrà pesato molto nelle riflessioni del sindaco.

    Assieme ovviamente alle difficoltà di governare il Comune avendo mollato il partito che esprime il numero più elevato di consiglieri comunali che lo sostengono.

    Sembrano queste le ricostruzioni più plausibili su quanto accaduto (al momento il sindaco non ha rilasciato dichiarazioni ufficiali).

    Fino ad arrivare a quella che sembra essere la decisione definitiva, sancita anche da un messaggio inviato nelle chat della politica imprunetina: proseguire sul percorso già tracciato, senza incagliarsi in pericolose (politicamente parlando) deviazioni.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA 

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino