spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 1 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Anatre morte (pure una nutria) nella Greve a Tavarnuzze: mangime mischiato a veleno?

    Abbiamo anche assistito all’agonia di un maschio, accanto a una femmina che non riusciva a muoversi, fino alla morte del maschio stesso

    TAVARNUZZE (IMPRUNETA) – Nella mattinata di oggi, martedì 24 agosto, è arrivata in redazione una segnalazione di un lettore.

    Che mentre percorreva il greto della Greve, dietro al campo sportivo di Tavarnuzze, ha notato delle anatre e delle nutrie morte nel fiume.

    Siamo andati a vedere ed effettivamente abbiamo visto cinque anatre, distanziate lungo il corso d’acqua, che erano morte. Più una nutria in evidente stato di decomposizione la cui morte può risalire a diversi giorni.

    Purtroppo abbiamo anche assistito all’agonia di un maschio di anatra, accanto a una femmina che non riusciva a muoversi, fino alla morte del maschio stesso.

    Ci siamo così attivati per riuscire a salvare l’unica che ancora dava segni di vita, interpellando il Consorzio di Bonifica Medio Valdarno. Che ha immediatamente informato il Comune di Impruneta, competente di zona, che ha inviato sul posto una pattuglia della polizia locale.

    Inoltre abbiamo informato anche la Stazione dei carabinieri forestali, che hanno dato la loro disponibilità in caso di bisogno.

    Una volta sul posto, la polizia locale ha ispezionato il tratto della Greve, richiedendo anche l’intervento per il recupero dell’anatra ancora viva pur immobilizzata nell’acqua

    .

    Ma quale può essere stata la causa del decesso delle anatre? Una prima ipotesi è che qualcuno le abbia pasturate con del mangime mischiato con qualcosa di velenoso.

    Se si trattava di acqua contaminata avrebbero dovuto esserci anche i pesci morti, cosa che non abbiamo visto.

    Tra l’altro abbiamo notato che altre anatre, per fortuna, sguazzavano nell’acqua, pur intimorite dalla nostra presenza.

    Non è difficile che qualcuno abbia pensato di aggiungere del veleno (un topicida?) aggiungendolo al mangime.

    Non tanto per uccidere le anatre, ma per i ratti e i cinghiali che, dopo il calare del sole, scendono in massa sulla Greve in secca.

    La speranza adesso è che l’anatra, una volta presa in carico, possa essere curata. Mentre per le anatre morte sarà Alia Servizi Ambientali a recuperarne le carcasse.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...