spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La posizione ufficiale dell’Ente in seguito all’annullamento della sfilata

    IMPRUNETA – "Non è bastato anticipare alle 14 l’inizio dell’87esima Fsta dell’Uva di Impruneta per scongiurare l’ondata di maltempo che ha colpito oggi il centro della Toscana.  Una pioggia copiosa e intensa che si è abbattuta fin dalla tarda mattinata ha impedito il regolare svolgimento della manifestazione per mancanza dei requisiti minimi di sicurezza".

     

    A dirlo è l'Ente Festa dell'Uva, che ha deciso di annullare la sfilata 2013 (clicca qui per leggere l'articolo): "I carri allegorici dei quattro rioni – prosegue l'Ente – sono stati fatti transitare da viale della Libertà (punto di inizio della sfilata), fino a piazza Accursio da Bagnolo, passando per piazza Buondelmonti e via Mazzini". 

     

    L’Ente fa sapere che "a maggioranza e in maniera autonoma, a quel punto è stata presa una decisione: nessuna votazione e Festa dell’Uva annullata, nel rispetto del regolamento dell’Ente Festa dell’Uva in vigore (clicca qui per leggere il regolamento)". 

     

    "L’Ente – conclude la nota – si impegna fin da adesso, a modificare tale regolamento al fine di migliorarlo tenendo conto delle istanze manifestate dai rionali".

     

    "Istanze" che sono state in particolare quelle dei rionali delle Fornaci, che hanno dato vita a un improvvisato sit in di fronte al palazzo comunale.

     

    Altri hanno invece chiesto (e stanno chiedendo tuttora, in particolare sui social network) chiarimenti sui motivi per cui non è stata fatta la votazione dei carri fermi.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...