spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 26 Febbraio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il Comune rientra in possesso del bar del Birillo: con fabbro e ufficiale giudiziario

    Il sindaco Alessio Calamandrei: "C'è già una manifestazione di interesse che stiamo valutando"

    TAVARNUZZE (IMPRUNETA) – Ci sono voluti l'ufficiale giudiziario, il fabbro e la comandante della polizia locale, per riprendere possesso del bar del Birillo, dato in gestione dall'amministrazione comunale di Impruneta e arrivato da tempo a un punto "morto" fra gestore e Comune.

     

    Nella mattinata di oggi, martedì 18 luglio, c'erano tutti i rappresentanti istituzionali per riprendere simbolicamente possesso di questo spazio a dire poco… centrale a Tavarnuzze.

     

    ALL'OPERA – Si rientra in possesso degli spazi pubblici

     

    Il sindaco Alessio Calamandrei, il vice sindaco Luca Binazzi, assessori, consiglieri comunali, cittadini. E, come detto, l'ufficiale giudiziario e il fabbro per aprire.

     

    Si trattava del primo passaggio verso la "rinascita" di questo spazio: adesso che il Comune ne è rientrato in possesso faranno seguito gli atti necessari per cercare di ridargli una nuova vita. È stata sostituita la serratura ed è stato effettuato un primo sopralluogo degli ambienti.

     

    “È un momento importante, dal quale ripartire per il recupero e la valorizzazione dell'ex stazione di Tavarnuzze – ha dichiarato il sindaco Alessio Calamandrei – Adesso, come giunta, stiamo facendo le nostre valutazioni su una manifestazione di interesse per l'immobile alla quale era già stata dedicata un'apposita commissione consiliare".

     

    "Speriamo – conclude – quanto prima di poter restituire decoro e funzionalità ad un presidio importante per la comunità di Tavarnuzze, e non solo".

     

    NOTIZIA IN AGGIORNAMENTO

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...