spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 5 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    L’asilo parrocchiale di Tavarnuzze dona i regali al reparto Pediatria di Ponte a Niccheri

    TAVARNUZZE (IMPRUNETA) – C'è una bellissima iniziativa che ormai da tre anni viene fatta vivere all'asilo parrocchiale Maria Immacolata di Tavarnuzze. E che forse, a parte i genitori dei bimbi, pochi conoscono. Ma che merita appoggio, apprezzamento e, perché no, un bell'applauso.

     

    Sono proprio i genitori a raccontarcela: "Grazie allo spirito che vive tangibile nelle religiose dell'asilo, e grazie al loro prodigarsi per fare dei nostri piccoli delle persone più attente e sensibili ai problemi altrui, da tre anni, durante la festa che facciamo per gli auguri natalizi, arriva come da molte parti un bellissimo Babbo Natale (vedi foto in alto)".

     

    "Ma ecco la differenza – dicono orgogliosi – qui arriva con il sacco vuoto e riparte con un bel carico di doni portati proprio dai nostri piccoli, destinazione il reparto di Pediatria di Ponte a Niccheri".

     

    "Ognuno di loro – raccontano ancora i genitori – a casa impacchetta qualcosa di proprio, scegliendo tra i propri giochi, libri o dvd. E' una scelta meticolosa, non facile, che richiede tutto l'appoggio e l'incoraggiamento da parte di noi genitori, soprattutto il primo anno, ma già al secondo anno i bambini con l'arrivo del Natale, sorprendendoci dicono "Ehi dobbiamo scegliere un bel gioco per i bimbi che non stanno bene!"".

     

    "Da lì – concludono – capisci e il cuore anestetizzato inizia a scaldarsi, forse hai davvero fatto la scelta giusta. Ecco, in questo periodo così "strano", era giusto far conoscere anche questa piccola e bella realtà, che lavora quotidianamente molto sul lato umano oltre che sulla scolarizzazione dei piccoli".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...