spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 4 Dicembre 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Autostrade per l’Italia e Comune di Impruneta: accordo per la riqualificazione del territorio

    Il primo lotto di lavori avrà inizio nella primavera/estate 2024: ecco quali saranno e con quali tempistiche

    IMPRUNETA – Autostrade per l’Italia e Comune di Impruneta annunciato congiuntamente un accordo “che ridefinisce il cronoprogramma degli interventi complementari alla realizzazione della terza corsia, focalizzandosi sul territorio imprunetino”.

    La riunione, svoltasi per discutere gli otto interventi pianificati nella zona, ha visto la partecipazione del sindaco Riccardo Lazzerini, accompagnato dall’ingegner Alessio Ricciardelli del Comune di Impruneta.

    Antonio Rachillà, responsabile per le Grandi Opere sull’Area Toscana di Società Autostrade per l’Italia, e Stefano Capocasa, responsabile dei lavori in oggetto insieme a una delegazione di colleghi.

    Il nuovo calendario prevede due interventi iniziali. Nel corso della primavera/estate 2024, si procederà con la creazione del marciapiede nella frazione di Pozzolatico, seguito dall’adeguamento della strada di collegamento tra via Colleramole e le vasche di esondazione adiacenti.

    Tra fine 2024 e il 2025, Autostrade per l’Italia ha in programma l’avvio dei  lavori per la realizzazione della pista ciclopedonale nell’area di Certosa (Tavarnuzze – Bottai), con conseguente adeguamento della SS Cassia, ed istituzione di una rotonda all’altezza dello svincolo Baruffi-Le Rose.

    Sarà inoltre realizzato il completo recupero e la riqualificazione ambientale e viaria dell’area cantiere nella frazione di Cascine del Riccio denominata C7.

    Entro il 2025, è previsto l’inizio dei lavori a Tavarnuzze nella zona comunemente denominata Parco Pali, progetto che prevede la riqualificazione dell’area adiacente al campo sportivo.

    In merito al parcheggio scambiatore di Firenze Certosa, l’amministrazione comunale di Impruneta si impegna a ridefinire funzioni e gestione dello stesso con il Comune di Firenze e Città Metropolitana.

    “Si tratta di una convenzione unitaria – spiegano dal Comune di Impruneta – che comprende tutti e nove i progetti previsti per il territorio di Impruneta, e sarà ufficializzata in un unico passaggio ministeriale”.

    “Questo – viene precisato – permette l’implementazione graduale dei singoli progetti man mano che avanzano verso lo stadio di progetto esecutivo, che sarà avviato una volta concluso l’iter autorizzativo della Conferenza di Servizi durante il quale Comune Impruneta e Autostrade per l’Italia auspicano massima sinergia da parte di tutti gli enti ed istituzioni coinvolte”.

    “Il nostro comune – commenta il sindaco, Riccardo Lazzerini – è in attesa da molti anni di questi lavori. Con questo incontro, abbiamo deciso di aprire un credito verso Autostrade per l’Italia, che si è resa disponibile a mettere nero su bianco il programma di lavori e a prendersi un impegno con noi e con l’intera collettività.”

    “L’accordo – conclude la nota dell’amministrazione comunale di Impruneta – rappresenta un passo significativo verso la realizzazione di interventi che miglioreranno la qualità della vita dei cittadini di Impruneta, promuovendo la sicurezza stradale, la mobilità sostenibile e la valorizzazione del territorio”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...