spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 1 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Interpellanza del M5S, richiesta di un consiglio aperto (a Tavarnuzze) da Il Coraggio di Cambiare

    TAVARNUZZE – Un'interpellanza da parte del gruppo consiliare del MoVimento 5 Stelle, la richiesta di una consiglio comunale aperto da parte di Il Coraggio di Cambiare.

     

    Inizierà subito con i "botti" l'attività del consiglio comunale di Impruneta, la cui presidenza (salvo clamorose sorprese) dovrebbe essere affidata al consigliere comunale del Pd Lillian Kraft. Una scelta questa che ha eumentato ancor di più la tensione da parte dei gruppi di opposizione, in particolare di Il Coraggio di Cambiare, che alla luce del risultato elettorale che lo ha visto vincere in tutte le sezioni del capoluogo, chiedevo quella presidenza come apertura al dialogo.

     


    Ed ecco quindi l'interpellanza che verrà presentata dal capogruppo del M5S Francesco Bianchi, che nella premessa ricorda che "durante la campagna elettorale, relativa alle elezioni amministrative di questo Comune, nello specifico durante l’incontro del 16 maggio tenutosi presso il circolo Mcl di Tavarnuzze, l’allora candidato sindaco, Alessio Calamandrei, dichiarava pubblicamente, che si riteneva disponibile a valutare varianti in corso d’opera, naturalmente nel rispetto del piano economico e delle tempistiche".

     

    E qui torna protagonista la consigliera Kraft, che in un articolo su Il Gazzettino del Chianti, ricorda il M5S, "rivendicava pubblicamente, la posizione irrinunciabile e la ferma volontà di procedere con l’esecuzione del progetto esecutivo senza apportarVi alcuna modifica e/o variante , in piena continuità con gli intenti della precedente amministrazione".  

     

    Bianchi chiede quindi "chiarimenti in merito alla volontà della nuova amministrazione comunale sugli intenti a procedere in relazione all’apporto di modifiche tecniche e/o varianti in corso d’opera relative ai lavori di cui in oggetto".

     

    "Nella fattispecie – conclude – capire quindi se la pensilina inerente al progetto di ristrutturazione dell’antica stazione di Tavarnuzze, possa non essere realizzata in favore di una copertura/tetto della struttura “tradizionale” (dotata anch’essa di pannelli fotovoltaici)  e di relativa ricaduta economica inerente al risparmio generato, sulla riqualificazione delle zone attigue (giardino, piazza), curando maggiormente arredi e accessori per rendere più socialmente fruibile la piazza di Tavarnuzze.  Vorremmo avere altresì risposta su di un possibile utilizzo di una pavimentazione in cotto, caratterizzando la piazza con il materiale che contraddistingue il Comune di Impruneta e il territorio, dando un’identità in tal senso anche a Tavarnuzze".

     

    Sono invece i tre consiglieri comunali di Il Coraggio di Cambiare (Riccardo Lazzerini, Sandro Brezzi, Francesca Socci) a chiedere ufficialmente un consiglio comunale aperto (da tenersi a Tavarnuzze) sulla questione, "considerata l'importanza dell'intervento relativo ai lavori di riqualificazione della piazza di Tavarnuzze e delle aree adiacenti che andranno ad incidere sulla vita quotidiana della popolazione nonché l'imminenza dell'avvio dei lavori e la creazione del Comitato Antica Stazione".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...