spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 6 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Ancora un consiglio comunale senza il numero legale. Impruneta allo sbando”

    La denuncia di Bianchi (M5S): "Solo grazie a Viti (opposizione) garantito all'inizio. Un paradosso politico"

    IMPRUNETA – "Il consiglio comunale di giovedì 29 settembre siamo stati ancora di fronte alla mancanza di numero legale, inizialmente mantenuto da Roberto Viti dell'opposizione di Obbiettivo Comune. Ancora una volta a Impruneta siamo di fronte a un paradosso politico".

     

    Non usa mezzi termini il capogruppo del MoVimento 5 Stelle di Impruneta, Francesco Bianchi, per commentare quanto accaduto in sala consiliare.

     

    "Un consigliere di opposizione che garantisce il numero legale e uno di maggioranza che si alza e lo fa "decadere" – rimarca Bianchi – sancisce che a Impruneta la politica vive di colpi di scena. E che il governo di questo paese è sempre più allo sbando. Una sorta di roulette russa che non ti aspetti e le vittime ancora una volta sono i cittadini".

     

    Il sindaco Alessio Calamandrei getta acqua sul fuoco, ma anche dalle sue parole traspare una situazione comunque instabile: "Sono state approvate le delibere, poi la consigliera di maggioranza Caterina Guidi è dovuta andare via e sono state rinviate le mozioni".

     

    "E' vero – ammette – che se non c'era Viti che si metteva a sedere non si sarebbero approvate, ma la responsabilità istituzionale che il consigliere Viti ha dimostrato in più di una occasione è stata presente anche in questa situazione".

     

    "Una maggioranza che non si trova d'accordo – rilancia invece Bianchi – non è una maggioranza ma un insieme di amareggiati imbrigliati nella frustrazione di non poter fare nulla nonostante essere nella condizione di farlo (al governo)".

     

     

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...