spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Dura replica alle richieste di dimissioni: “Obbiettivo Comune, esperienza finita”

    "Viti smettila, resto in consiglio comunale fino al termine del mandato": nessun politichese per l'ex capogruppo di Obbiettivo Comune (oggi nel Gruppo Misto e fondatore del movimento Indignamoci) in consiglio comunale Massimo Bisignano (in foto) nel rispondere alle reiterate richieste (l'ultima con tanto di cartello esposto in consiglio, clicca qui per leggere l'articolo) di Roberto Viti relative alle sue dimissioni.

     

    "Avendo già chiarito ad ottobre scorso, in risposta a chi lo chiedeva, che non mi sarei dimesso da consigliere comunale ritenevo superata la questione – ammette Bisignano – Tre appelli alle dimissioni, in poco più di un mese (uno dei quali esponendo un cartello allo scorso consiglio comunale), da parte di Roberto Viti richiedono una risposta".

     

    "Come ho già dichiarato – ricorda Bisignano – a settembre 2012 ho preso atto, insieme a numerosi altri membri che sono usciti con me, che Obbiettivo Comune non esisteva più, come lista civica vera, ispirata dall’unico interesse di migliorare l’amministrazione del nostro comune e composta da cittadini di varia e diversa collocazione politica".

     

    Poi, la stoccata: "Trovo veramente assurdo che a fare questi appelli sia Roberto Viti, uscito a dicembre 2011 da Obbiettivo Comune per impegnarsi nel neonato “Comitato Promotore delle Primarie per l’alternanza” scusandosi per non essersi impegnato dal 2008 in quanto, scriveva “mi  era passata la voglia”. Invito pertanto Roberto Viti a smettere di fare questi appelli che non avranno l’esito da lui sperato, resto in consiglio comunale a fare il consigliere di opposizione fino al termine del mandato".

     

    "Ribadisco – sostiene Bisignano – che, secondo me e gli altri che sono usciti da Obbiettivo Comune a settembre 2012, la Lista Civica Obbiettivo Comune, che ho rappresentato come capogruppo consiliare dal 2003 al 2012, non esiste più".

     

    "Devo anche rilevare – conclude Bisignano – la grave mancanza da parte del presidente del consiglio comunale che, in occasione della presenza di Viti con un cartello allo scorso consiglio, non è immediatamente intervenuto per far rispettare il Regolamento del consiglio che vieta tali comportamenti. Concludo ringraziando la collega di opposizione Maria Teresa Lombardini che sottolineando le carenze del presidente del consiglio, in una sua comunicazione, ha dimostrato una sensibilità istituzionale ed una attenzione verso un collega consigliere che le fanno onore".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...