spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 1 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Nel 2008 fu la struttura imprunetina ad ospitarlo nei giorni della partita al “Franchi”

    IMPRUNETA – Era l’8 ottobre del 2008 quando l’ex giocatore Stefano Borgonovo lasciava Villa Delle Terme in località Falciani, nel comune di Impruneta, per essere accompagnato allo Stadio Artemio Franchi, dove ad aspettarlo per fargli festa c’erano circa 30.000 tifosi. Venuti ad applaudire l’ex giocatore viola.

     

    A Villa Delle Terme centro all’avanguardia sia per la tecnologia avanzata sia per la preparazione professionale di tutto il personale che vi lavora, ospitò per alcuni giorni Stefano Borgonovo accompagnato dalla moglie Chantal.

     

    Per accompagnarlo allo stadio, assieme ad altri pazienti della struttura, furono messi a disposizione della Misericordia di San Casciano un’ambulanza e due pulmini, così come altre Misericordie di Firenze si resero disponibili.

     

    A spingere la carrozzina di Borgonovo, prima del compagno giocatore Roberto Baggio per il giro del campo, fu Pasquale il caposala della struttura.

     

    "E’ davvero una gioia – ebbe occasione di dire l’infermiere – riuscire a fare sorridere i nostri ospiti e con tutte le complicazioni del caso, è bello uscire insieme per una festa comune per tutti".

     

    La gioia che si poteva leggere nei volti dei malati e dei loro “angeli custodi” fu la vittoria più bella di una notte davvero magica.

     

    Stefano Borgonovo malato di Sla (Sclerosi laterale amiotrofica) è mancato all’affetto dei suoi cari ieri, 27 giugno, all’età di 49 anni. lascia la moglie Chantal e i quattro figli Andrea, Alessandra, Benedetta e Gaia che gli sono stati sempre vicini. E lascia anche tanti bei ricordi che resteranno per sempre nei cuori di tifosi e amici.

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...