spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Alessio Calamandrei, Marco Pistolesi e Joele Risaliti hanno presentato le firme

    Adesso c'è l'ufficialità: nel percorso che porterà all'individuazione del candidato sindaco di Impruneta per la coalizione di centrosinistra, che con ogni probabilità sarà composta da Pd, Partito socialista, Sel e Indignamoci, ci sono i primi tre candidati ufficiali.

     

    Sabato 15 dicembre infatti, termine ultimo per la presentazione delle candidature, Alessio Calamandrei, Marco Pistolesi e Joele Risaliti hanno presentato le firme necessarie e si sono accreditati come aspiranti primi cittadini.

     

    Adesso il garante delle primarie per quanto riguarda il Partito democratico, Claudio Guardi, esaminerà le documentazioni presentate, per verificare che non ci siano doppioni o ripetizioni. Poi ufficializzerà la validità delle candidature.

     

    Intanto, già da domani tutte le forze di centrosinistra si ritroveranno per nominare i garanti delle primarie di coalizione, per stabilire regole, percorso organizzato e data delle primarie. La macchina sta entrando in moto, ed è una macchinca complessa: che, fra l'altro, dovrà destreggiarsi nel mezzo dell'ingorgo alle urne causato da "Parlamentarie" del 29 e 30 dicembre prossimo ed elezioni politiche all'inizio del 2013.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...