spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Comitato via Cavalleggeri, “Via subito ai lavori per spostare i vigili negli uffici dell’ex Urp”

    La ricetta per non lasciare abbandonata a se stessa la strada e rianimare il centro

    IMPRUNETA – Il comitato di via Cavalleggeri torna a parlare degli ex uffici comunali: l'idea dell'amministrazione è vendere il primo piano della palazzina di via Cavalleggeri e ristrutturare con il ricavato il piano terra per sistemare qui la polizia municipale. Il comitato ritiene che la vendita sia una iniziativa difficile da realizzare e per non tenere ancora vuoto l'edificio (e abbandonata la strada) chiede che si proceda subito con i lavori per lo spostamento de vigili.

     

    I locali al primo piano comprendono quattro stanze, bagno, disimpegno e terrazza per un totale di 122 mq lordi (era un appartamento a sé stante fino al 1985 ed ha un ingresso indipendente su via Cavalleggeri). Col ricavato di questa vendita, stimato in 170 mila euro nei piani dell'amministrazione si potrà realizzare gli interventi di rifacimento dell' impianto termico, trattamento aria ed elettrico, degli uffici del  piano terra, al fine di trasferire i vigili negli uffici dove c' era l'Urp.

    "Questa proposta è stata votata all' unanimità da tutti i consiglieri comunali e la condividiamo anche noi. Non siamo d' accordo invece, sul fatto che la fattibilità del rifacimento degli impianti sia condizionata alla vendita dell' ex appartamento", attacca il comitato.

    La vendita potrebbe non essere così semplice, spiegano dal comitato: "Reputiamo infatti che è un dovere dell' amministrazione comunale provvedere alla manutenzione del proprio immobile senza condizionarla ad una vendita che probabilmente non sarà neppure possibile. E' bene ricordare infatti, che sugli uffici di via Cavalleggeri gravano mutui e che per venderne anche una parte è necessario avere l' autorizzazione dalla Cassa Depositi e Prestiti, e non è detto che questa venga concessa".

     

    Neanche la scuola materna dismessa, che doveva essere venduta, resta ancora ancora invenduta dopo quattro anni e neanche messa in vendita, "questo è dovuto al fatto che quell' immobile è gravato da un mutuo e finché non sarà estinto non si potrà effettuare la gara per la vendita".

    Il comitato chiede quindi si dia il via ai lavori al piano terra per non lasciarli vuoti: "Per queste motivazioni, e sicuri di interpretare gli intendimenti dei 1094 cittadini che hanno sottoscritto la nostra petizione, richiediamo con forza che il rifacimento degli impianti negli uffici ex-URP sia realizzato indipendentemente dalla vendita dell' ex-appartamento, ed in tempi celeri, altrimenti temiamo che anche questo immobile venga abbandonato così come è stato fatto per la scuola materna".

    "E' clamoroso che, nel solo capoluogo, questa amministrazione abbia chiuso la scuola materna, la scuola media e gli uffici di via Cavalleggeri. Il compito di una buona amministrazione è quello di conservare e fare manutenzione dei propri immobili che sono costati e costeranno tanto ai cittadini (per gli uffici di via Cavalleggeri abbiamo già pagato negli ultimi 6 anni circa 400 mila euro e nei prossimi 20 anni pagheremo altri 1.393.308 euro)".

    Continua il comitato Via Cavalleggeri: "Inoltre con tutte queste chiusure si è inferto un duro colpo alla fragile economia del capoluogo che si è vista privare di un significativo bacino di utenti e si sono creati notevoli disservizi.

     

    Infine le richieste per sistemare il resto degli spazi comunali nel capoluogo: "Auspichiamo che l' ipotizzato trasferimento dei vigili possa costituire il presupposto affinché siano riportati nel palazzo comunale (al posto dei vigili) gli uffici della scuola e del sociale e che questo sia il primo passo affinché il capoluogo riacquisti quel ruolo che gli compete. Condizioni essenziali perché questo avvenga è che venga realizzata una nuova scuola media e si trovi una soluzione per la scuola materna"
      

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...