spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 29 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Cena dei Rioni a Impruneta: grande legame fra Festa dell’Uva e Misericordia

    Mentre nelle quattro aree rionali si svolgono le cene per l'acquisto di una nuova ambulanza, la Confraternita regala all'Ente Festa dell'Uva una bottiglia speciale

    IMPRUNETA – Nel corso della “Cena dei Rioni” che si è svolta ieri, venerdì 9 settembre in piazza Buondelmonti ad Impruneta, il presidente dell’Ente Festa dell’Uva Impruneta Riccardo Lazzerini, a nome della comunità rionale, ha ricevuto in dono da Simone Dal Pino, vice provveditore della Misericordia di Impruneta, una speciale bottiglia di vino.

    Nell’etichetta è raffigurato un confratello ucraino in attività di assistenza e la sua capsula ha i colori dei quattro rioni di Impruneta: Rosso, Verde, Blu e Bianco.

    Simone Dal Pino ha tenuto a ringraziare tutti i rioni dell’Impruneta, per il grande gesto di solidarietà che stanno dimostrando con la raccolta fondi in favore della Misericordia.

    Le prime due cene di solidarietà si sono svolte il 6 e l’8 settembre; le prossime presso i rioni Sant’Antonio e Sante Marie si svolgeranno i giorni 13 e 14 settembre.

    “Per noi questo gesto è di enorme significato, rinsalda una collaborazione che esiste da sempre tra noi e la Misericordia” dichiara Lazzerini.

    L’Ente Festa dell’Uva omaggiato Simone Dal Pino con la speciale bottiglia 2022 che raffigura in etichetta l’opera del maestro Roberto Panichi, che verrà presentata alla stampa domenica 11 settembre presso il Museo Festa dell’Uva di Impruneta.

    È possibile contribuire all’acquisto della nuova ambulanza anche tramite bonifico bancario, utilizzando il codice iban IT66J0832537900000000215768, la cifra donata sarà interamente deducibile.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...