spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La squadra di calcio, tornata a calcare i campi dei dilettanti, si ritrova con amici e tifosi

    Dopo il ritorno in grande stile sul palcoscenico del calcio dilettantistico (ha debuttato lo scorso settembr enel campionato di Terza categoria), l'A.S.D. Atletico Calcio Impruneta celebra il 2012 con una grande cena aperta a tutti i tifosi e i simpatizzanti, venerdì 14 diecembre presso il Ristorante Pizzeria Nyx (saranno presenti la squadra al completo e la dirigenza).

     

    Formatasi per ripotare nel capoluogo la passione del calcio dilettantistico, la squadra è formata prevalentemente da ragazzi nati e cresciuti nel territorio dell’Impruneta e allenata da Marco Rustioni. Figlio di Bruno Rustioni, indimenticato presidente (per oltre quarant'anni) del rione delle Sante Marie.
     

    “Sono stato chiamato per riportare il calcio all’Impruneta – aveva affermato nei giorni del grande ritorno sulle scene, nel settembre scorso, Sandro Cappelletti, direttore sportivo – e ho accettato con entusiasmo perché dopo quasi cinquant’anni di calcio, è intrigante ripartire da zero, iniziando gradatamente a seminare per poi raccogliere dei risultati, tenendo però sempre i piedi per terra".

     

    Aveva sottolineato di aver visto "molto entusiasmo attorno a questo progetto. L’abbiamo constatato quando abbiamo inaugurato il rinnovato Stadio dei Pini con una partita Ex-Imprunetini contro Ex-Viola ed è stato emozionante rivedere in campo volti che hanno fatto grande il calcio nel paese e soprattutto tante persone sugli spalti".
     

    Nessuno prende niente a Impruneta, per l'orgoglio di mister Rustioni: "Sono convinto che per riconsegnare dignità a questo sport bisogna partire dal sacrificio e da quella passione che ha contraddistinto il modo di far calcio di quarant'anni fa. Per troppi anni è mancato il calcio in un paese che nel passato ha fatto dello sport la propria icona. Siamo all’inizio di una nuova grande avventura”.
     

    Poi c'è chi, come il vicepresidente Simone Bartoli, ricorda ancora "la vittoria dell’allora Impruneta allo Stadio Flaminio di Roma della Coppa Italia del 1966-67. Mio padre era in campo durante quella gloriosa partita. Era il periodo in cui c'erano giocatori talentuosi che poi hanno trovato fortuna in squadre di categorie superiori. Il paese dell'Impruneta sente il bisogno di andare a vedere giocare a calcio nello storico stadio".

     

    L'appuntamento per ritrovarsi attorno a un tavolo a quattro mesi dall'inizio della nuova avventura è quindi fissato: ci si trova tutti venerdì 14 dicembre al Nyx!

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...