spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 6 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il Comune: “Situazione segnalata ad Autostrade per l’Italia e tenuta sotto controllo”

    Non c'è nessun pericolo attorno ai "laghetti" dei Bottai (clicca qui per leggere l'articolo), ma una situazione monitorata e segnalata da tempo dall'amministrazione comunale di Impruneta.

     

    "L'area in questione – sottolineano dal palazzo comunale imprunetino – è un cantiere per la realizzazione delle vasche di laminazione sul fosso dei Reniccioli. Il cantiere è in carico ad Autostrade per l'Italia che ha affidato i lavori alla ditta Impresa SPA".

     

    "La problematica – proseguono – è stata segnalata da parte del Servizio Gestione del territorio del Comune a Società Autostrade, ed esaminata con un sopralluogo congiunto, senza rilevare al momento particolari criticità, ma con la richiesta del Comune di intervenire quanto prima e completare l'intervento, sollecitando più volte la ripresa dei lavori".

     

    "Ad oggi – è la precisazione fondamentale – non si prefigurano rischi per la sicurezza, ma i lavori sono fermi per le condizioni economiche dell'impresa esecutrice, sulla via del fallimento, come si sa. Autostrade per l'Italia ha in corso la rescissione del contratto con l'azienda esecutrice per provvedere poi al completamento dell'opera".

     

    "L'amministrazione – concludono – sta seguendo i lavori con grande attenzione e continuerà a farlo per evitare proprio che, finito si spera questo periodo di piogge continue che comunque crea "laghetti" ovunque, anche sulle strade, ma contestualmente rende difficoltoso eseguire le lavorazioni necessarie, l'arrivo del caldo favorisca il moltiplicarsi delle zanzare".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua