spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 2 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La presidente del consiglio comunale, Lillian Kraft, dice la sua sulla seduta del 5 maggio

    IMPRUNETA – E' stata tirata in ballo da più parti per la gestione del consiglio comunale aperto di lunedì 5 maggio, in cui si è discusso il futuro delle strutture scolastiche imprunetine.

     

    Lillian Kraft, presidente del consiglio comunale, adesso vuol dire la sua: "Il consiglio comunale del 5 maggio è stato quel che talvolta rischia di diventare una riunione con circa duecento persone  a cui è stata data la possibilità di dare  sfogo alla propria insoddisfazione e ai propri dubbi".

     

    Ovvero, dice Kraft, "una vociante, caotica e incontrollabile assemblea, durante la quale chi ha osato esprimere pareri diversi (Stefano Bellacci) è stato ricoperto dai fischi. O, peggio, come il vice capogruppo del Pd Milo Messeri a cui è stato semplicemente impedito di parlare".

     

    "Siamo ben lontani dalla definizione di "mormorio di disappunto" del pubblico – specifica Kraft – di cui parla Il Coraggio di Cambiare. Del resto anche sul Gazzettino del Chianti si è descritto il clima per il quale io, come presidente del consiglio e in base al Regolamento, che il consigliere Sandro Bressi (del CDC, che protesta perché non è stato fatto intervenire, n.d.r.) dovrebbe conoscere, avrei dovuto, e non solo potuto, interrompere la seduta ben prima di quanto ho fatto, visto che i miei ripetuti appelli alla calma e al rispetto delle persone che intervenivano e delle diverse opinioni cadevano nel vuoto".

     

    Cita articoli e commi del Regolamento del consiglio comunale Kraft, ma anche "le modalità tassative della discussione di questa specifica seduta (controfirmate da Riccardo Lazzerini in conferenza capigruppo e inviate a tutti i consiglieri, affisse all’ingresso della sala e riportate verbalmente da me in apertura di seduta) che distinguevano la parte dell’ascolto dei cittadini da quella degli interventi dei consiglieri".

     

    "I cittadini hanno potuto esprimersi – rilancia Kraft – il consiglio ha ascoltato attento e rispettoso, ed io stessa ho consentito tre ulteriori interventi "fuori busta" (cioè, non iscritti preventivamente a parlare)".

     

    "Niente di personale e massimo rispetto quindi per il consigliere Bressi – conclude – ma la prevaricazione, inqualificabile ed inaccettabile, nei confronti del consigliere Messeri è stata la classica goccia che ha fatto traboccare un vaso ormai colmo, e mi ha convinto a lasciare solo che il sindaco potesse rispondere alle domande, e poi chiudere definitivamente una brutta serata".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...