spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 18 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Tavarnuzze: ritorna il corso di fotografia digitale alla Pubblica Assistenza

    Dal 4 aprile al 23 maggio, tenuto dal fotografo Renzo Ruffoli: mostra finale, anche sul Gazzettino del Chianti

    TAVARNUZZE (IMPRUNETA) – Un corso di fotografia digitale pensato per principianti che vogliono cominciare a scoprire il mondo della fotografia. Con lo scopo, già a fine corso, di cominciare a scattare belle immagini.

     

    A tenerli  sarà un grande esperto del settore: Renzo Ruffoli, titolare di "Foto Reporter's" a Tavarnuzze, che da anni svolge con passione e competenza la professione di fotografo.

     

    Un insegnante che parla con semplicità ed è in grado di istruire, come detto, anche chi si avvicina senza grandi nozioni al mondo della fotografia digitale.

     

    Il corso fotografico si terrà ogni giovedì per la durata di sette serate presso la Pubblica Assistenza di Tavarnuzze nei giorni 4, 11, 18, aprile, e 2,9,16,23 maggio, ore 21-23.   Per informazioni e iscrizioni (3336910202, 0552020636, info@fotoreporters.it).

     

    Una mostra fotografica presso la Pubblica Assistenza di Tavarnuzze chiuderà il corso, la stessa sarà anche ospitata, in forma "virtuale", dal Gazzettino del Chianti, che pubblicherà on line  le foto più votate.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...