spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Lezioni dal 2 al 4 dicembre nella sala consiliare del Comune: iscrizioni aperte

    IMPRUNETA – Per garantire una maggior sicurezza nella raccolta dei funghi, l'assessorato alla cultura insieme alla Regione Toscana, al Servizio Sanitario della Toscana e al Centro Regionale di Coordinamento per la Micologia hanno organizzato un corso gratuito rivolto ai cittadini residenti in Toscana per dare informazioni corrette sulle modalità di raccolta, di conservazione e consumo dei funghi.

     

    Il corso prevede tre lezioni di due ore ciascuna tenute da docenti dell'Associazione Micologica "Firenzeintralice", alla fine del quale verrà rilasciato un attestato di frequenza.

     

    La prima lezione affronterà "La sicurezza nel bosco e ruolo dei funghi nell'ecosistema"; la seconda riguarda i "Funghi commestibili e tossici a confronto" (in foto sopra la mortale Amanita Phalloides); la terza lezione svilupperà temi quali "Consumo e prevenzione delle intossicazioni da funghi e normativa per la raccolta".

     

    Le lezioni si terranno il 2-3-4 dicembre dalle ore 17.30 alle 19.30 presso la sala consiliare del Comune di Impruneta.

     

    Per iscriversi al corso contattare Simonetta Peruzzi, 333/6502164, s.peruzzi1@tin.it.

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...