spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Cosa fare a Carnevale/1: sabato 26 febbraio in piazza a Tavarnuzze con la Pro Loco

    Dalle 15.30 in piazza Don Chellini, musica, balli e giochi. Ci sarà il bar della Pro Loco con merende sfiziose e cenci e frittelle dello Zini. E poi...

    TAVARNUZZE (IMPRUNETA) – “Sarà la volta buona? Noi ci riproviamo e torniamo piazza per un Carnevale più splendente che mai”.

    Lo dicono dalla Pro Loco di Tavarnuzze, che ricorda anche che “l’ultima attività in piazza a pochi giorni dal lockdown nel 2020 fu proprio un Carnevale super riuscito e speriamo che anche quest’anno non sia da meno, sempre rispettando le norme anti Covid che ben conosciamo”.

    Sabato 26 febbraio, dalle 15.30 in piazza Don Chellini, musica, balli e giochi. Ci sarà il bar della Pro Loco con merende sfiziose e cenci e frittelle dello Zini.

    Alle 16 si terrà, sempre in piazza, lo spettacolo degli sbandieratori di Firenze, che finiranno con un bel corteo di maschere.

    A seguire il concorso per la maschera più bella, la più simpatica e il gruppo organizzato migliore di tutti.

    “Vi aspettiamo in piazza – concludono dalla Pro Loco tavarnuzzina – carichi e pronti a tirare coriandoli.Per rendere colorato e allegro il nostro bellissimo paese”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...