spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 19 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Dal Kansas all’Impruneta: Gaelynn e James premiati per i loro 10 anni sul rione delle Sante Marie

    Ogni anno arrivano dagli Stati Uniti nel mese si settembre, per lavorare al rione in vista della Festa dell'Uva. Ieri per loro anche il sindaco, Riccardo Lazzerini

    IMPRUNETA – Tutti gli anni, appena inizia settembre, il richiamo della Festa dell’Uva di Impruneta arriva forte e chiaro fino in Kansas, Stati Uniti d’America.

    E allora Gaelynn, art terapist, e James, avvocato penalista, non possono resistere.

    Devono salire su un aereo e “fiondarsi” fino a questo matto, splendido mondo parallelo che è la Festa dell’Uva: per lavorare sul rione delle Sante Marie.

    Al carro Gaelynn dipinge, James rassetta tutto. Inutile dire con quanta gioia lo facciano e con quanta gioia vengano accolti.

    Avviene da dieci anni: non sono potuti (ovviamente) venire al carro negli anni della pandemia, ma fecero comunque una “scappata” in inverno.

    Era il 2014 quando scoprirono il rione delle Sante Marie: si trovavano in zona per il lavoro di Gaelynn e fu una sorta di… colpo di fulmine.

    Da allora continuano, ogni anno, a tornare alla Festa. Per godersene tutto lo spirito profondo direttamente dal cuore di uno dei quattro rioni.

    Dopo la Festa fanno sempre tappa a Venezia, dove Gaelynn ha collaborato a lungo con l’Università.

    James, invece, ha origini siciliane: è stato a visitare i luoghi dorigine di suo nonno, e spera un giorno di avere la cittadinanza italiana.

    Per loro ieri sera, mercoledì 27 settembre, una gradita ed emozionante sorpresa: un riconoscimento, consegnato sul rione dal sindaco di Impruneta, Riccardo Lazzerini, e dal presidente dell’Ente Festa dell’Uva Filippo Venturi.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...