spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 3 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il sindaco: “Per adesso sono mie. E potrò assegnare compiti specifici agli assessorati”

    IMPRUNETA – "Nessuna dimenticanza sulle deleghe. Tengo a ribadire che siamo il primo Comune del comprensorio che, essendo andato ad elezioni quest’anno, con un anno di anticipo rispetto agli altri, vede gli assessori (col sindaco) ridursi a cinque rispetto agli otto del mandato precedente".

     

    E' il sindaco di Impruneta Alessio Calamandrei a parlare, commentando la mancanza di una delega diretta al tema dell'ambiente (e dell'acqua, e dei rifiuti), fra quelle distribuite all'interno dei suoi assessori (clicca qui per leggere l'articolo).

     

    "La riduzione degli assessori – prosegue Calamandrei – comporta quindi una divisione in macro aree molto spesso molto pesanti e anche di non facile suddivisione. Per quanto riguarda le aziende partecipate, quindi i settori legati ad acqua e rifiuti, ormai è prassi anche nei comuni contermini che i sindaci siano i delegati viste appunto le sempre maggiori problematiche legate a questi settori".

     

    "L’attenzione sul tema ambiente da parte di questa giunta – rilancia – sarà massimo in tutte le sue sfaccettature. Che sono molteplici ed investono praticamente tutti i settori esistenti (urbanistica, lavori pubblici, manutenzione, ma anche formazione scolastica, sviluppo turistico economico e quant’altro). Compito primario di questa amministrazione non vuol certo essere lo smembramento di tale settore, ma il valutare di volta in volta le necessità ed esigenze precise sul territorio".

     

    "Quindi nessuna dimenticanza – dice ancora – ma solo un’opportunità in più per approfondire ogni singola problematica legata all’ambiente. Enon un nome in qualche modo aleatorio “ambiente” che poi porta spesso alla difficile interpretazione di appartenenza di ufficio".

     

    "Il sindaco – conclude – in questo momento si mantiene la responsabilità di tale delega per scelta e non certo per dimenticanza, delegando di volta in volta, se necessario, i vari progetti e richieste che possano emergere sul tema ambiente. Questo comporterà la possibilità che ogni assessorato citato sopra potrà rapportarsi direttamente alle tematiche ambientali, sui singoli progetti".
     

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua