spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 3 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il consigliere Bressi: “Furti e preoccupazione stanno prendendo il sopravvento”

    IMPRUNETA – Torna ad occuparsi di sicurezza e dei furti che stanno creando preoccupazione su tutto il territorio comunale il consigliere di opposizione Sandro Bressi (Il Coraggio di Cambiare).

     

    Lo fa con una domanda d'attualità che riprende una mozione su questo stesso tema, presentata nel luglio scorso, ricordando che "quello della sicurezza urbana è un problema che interessa tutti e che dobbiamo cercare di risolvere tutti insieme".

     

    Ricorda una situazione attuale in cui si viaggia alla media di due-tre furti alla settimana. Una situazione che, sono parole di Bressi, "necessita di immediate risposte. Per questo motivo credo che dobbiamo occuparci concretamente del sentimento di insicurezza che si sta sollevando, con l’obiettivo di aiutare i cittadini a ritrovare serenità nei luoghi dove vivono. Questo significa mettere in atto da parte nostra, sia come cittadini che come rappresentanti delle istituzioni locali, tutte le energie disponibili assumendo decisioni finalizzate a non promuovere scarsa fiducia nelle istituzioni".

     

    "Dobbiamo puntare sulla collaborazione e sul coinvolgimento di tutti i residenti – rilancia – attivando partecipazione e dialogo, per rafforzare i legami tra cittadini e Istituzioni contando anche sulla presenza di forze dell’ordine e il sostegno della polizia locale. Quello della sicurezza urbana è un problema che interessa tutti e proprio per questo motivo abbiamo preteso che nel corso del consiglio comunale del 18 luglio scorso la mozione venisse votata ed approvata".

     

    Una mozione che impegnava sindaco e giunta a richiedere con forza che il Comitato Provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica si tenesse a Impruneta (che poi si è svolto il 22 ottobre).

     

    Che chiedeva, fra le altre cose, di "intensificare il coordinamento fra i carabinieri e la polizia municipale in modo attivo e costruttivo, coinvolgendo anche le polizie municipali dei comuni contermini per il presidio del territorio e dare un segnale ancora più forte; di mettere allo studio un progetto sulla sicurezza urbana che coinvolga comitati dei cittadini che interagiscono con le forze dell’ordine per rafforzare la coesione e la solidarietà sociale anche tramite il sistema di controllo di vicinato".

     

    I mesi passano ma la situazione è rimasta la setssa: "A tutt’oggi – dice Bressi – nel nostro territorio continuano a verificarsi numerosi furti in abitazioni e proseguono alcuni atti vandalici".

     

    Inoltre, dice ancora Bressi, "solo dalla stampa abbiamo appreso che ad inizio agosto si sono riuniti  presso il Comune di Impruneta alcuni sindaci ed assessori dei comuni del Chianti, insieme ai rappresentanti delle polizie municipali dei rispettivi Comuni. E del fatto che in data 22 ottobre il Prefetto di Firenze ha tenuto presso il Comune di Impruneta la riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica a cui hanno partecipato anche i sindaci di Bagno a Ripoli, San Casciano, Tavarnelle, Barberino Val d’Elsa e Greve in Chianti nonché l’assessore provinciale alle politiche sociali, sicurezza e legalità. Di tali incontri e delle decisioni prese nessuna comunicazione è pervenuta al consiglio comunale".

     

    "Pertanto – sottolinea Bressi – anche in considerazione dell’importanza che riveste l’argomento, in data odierna ho presentato una domanda d’attualità con cui ho inteso invitare il sindaco, anche nella sua qualità di ufficiale del Governo, e la giunta a voler riferire all’intero consiglio comunale".

     

    "L'amministrazione comunale – conclude – non deve e non può rimanere inerte di fronte ai numerosi eventi che condizionano l'ordinata e civile convivenza. E l’intera cittadinanza ha il diritto di essere informata sulle iniziative intraprese dalle istituzioni comunali".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...