spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 25 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    In piazza Buondelmonti ha raccolto il testimone da nonno Faustino e babbo Mario

    IMPRUNETA – La storia dei nostri paesi passa, molto spesso, anche dalle edicole: veri e propri personaggi, gli edicolanti sono coloro che ogni giorno tastano gli umori delle persone e raccolgono confidenze, chiacchiere, mettendo insieme il buono delle piccole comunità.

     

    All'Impruneta c'è un'edicola dove due donne, dal grande dinamismo e la contagiosa simpatia, portano avanti una lunga tradizione. Quella della famiglia Innocenti: iniziata con nonno Faustino, proseguita con babbo Mario e oggi con Cecilia (nella foto sopra). Accanto alla quale c'è l'inseparabile Paola Pietri (vivono pure di fronte l'una all'altra).

     

    Nonno Faustino vendeva giornali in piazza Buondelmonti, davanti al palazzo comunale, dove oggi c'è l'olivo della pace. La moglie, Giulia, faceva la "strillona"; babbo Mario si era spostato un po' più su, dove oggi c'è il pannello in cotto del Maestro Giuseppe Ciccia.

     

    Oggi Cecilia e Paola hanno la loro edicola un po' più giù, sempre in piazza, alla fine di via Paolieri: tutti i giorni in "prima linea", sempre sorridenti e pronte alla battuta. Perché all'Impruneta più che altrove lo spirito e l'ironia… fanno la differenza.

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...