spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 27 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Cambia solamente la guida delle Fornaci: Andrea Corsani al posto di Stefano Rossini

    Con la conferma di Luca Gasparri alla guida del rione del Pallò, avvenuta mercoledì 6 febbraio, si chiude il cerchio delle elezioni rionali di Impruneta. I quattro rioni infatti hanno scelto i loro organigrammi nell'arco delle settimane a cavallo ra la fine del 2012 e l'inizio del 2013.

     

    E se per tre rioni si è trattato di conferme, per uno di loro c'è stato un avvicendamento. Stiamo parlando del rione delle Fornaci, nel quale è tornato alla guida Andrea Corsani (presidente nell'ultima vittoria fornacina in piazza) al posto di Stefano Rossini. Per un cambio della guardia che ha testato con successo le regole di democrazia interne, in una competizione vera fra i due candidati.

     

    Rimangono invece al loro posto i presidenti del rione Sant'Antonio (Giovanni Poggini) e del rione delle Sante Marie (Ornella Martucci di Scarfizzi, unica donna presidente rionale nei quasi 90 anni di vita della Festa dell'Uva).

     

    Adesso che le quattro caselle sono a posto, si procederà alla nomina del presidente dell'Ente Festa dell'Uva, il vero cuore pulsante e cervello organizzativo della splendida (ma complessa) macchina che ogni anno compie la magia della sfilata dei carri l'ultima domenica di settembre.

     

    Nelle prossime settimane i quattro presidenti rionali, assieme ai loro quattro vie e a tre rappresentanti dell'amministrazione comunale di Impruneta, si riuniranno per decidere se confermare alla guida dell'Ente Festa dell'Uva Luca Gasparri, oppure se ci sarà da cambiare.

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...