spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Fumata bianca durante la prima riunione: ecco tutte le altre cariche per i prossimi 5 anni

    Sarà stato anche l'influsso del fotomontaggio che circolava in rete e lo vedeva nelle vesti… di Papa (clicca qui per vedere l'articolo), ma alla fine il rinnovo delle cariche dell'Ente Festa dell'Uva, vero cuore pulsante e motore organizzativo della festa più amata dagli imprunetini, si è risolto già nella prima riunione.

     

    Con la conferma, appunto, di Luca Gasparri (presidente del rione del Pallò, a sinistra nella foto) alla presidenza dell'Ente anche per i prossimi cinque anni. Per quanto riguarda le altre cariche, la vicepresidenza è andata a Carla Coradeschi (rappresentante dell'amministrazione comunale). Tesoriere sarà Ornella Martucci di Scarfizzi (presidente del rione delle Sante Marie), addetto stampa Francesco Nidiaci (anche qui una conferma, in foto assieme a Gasparri), segretaria Elena Piras.

     

    Una fumata bianca istantantanea quindi, nel "mini conclave" che non ha potuto far altro che prendere atto del grande lavoro svolto da Gasparri e dall'Ente negli ultimi anni. In questo modo inoltre, la struttura si dà subito una governabilità e prospettive immediate. E visto che a Impruneta ci saranno a breve le elezioni amministrative, con tutto il carico di incertezze e polemiche che si stanno portando dietro, aver subito risolto la questione è un bel risultato.

     

    Anche perché così si riparte immediatamente con l'operatività, con l'organizzazione della sfilata di settembre, che si svolgerà lo stesso giorno dei Mondiali su strada di ciclismo: un'ulteriore sfida quindi, visto che per portare le persone a Impruneta ad assistere allo spettacolo, dal punto di vista logistico ci sarà… da sudare.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...