sabato 31 Ottobre 2020
Altre aree

    Farmer 4.0: per diventare tecnici specializzati in agribusiness. Alla Fattoria di Campiano

    Organizzato dall'Istituto Tecnico Superiore Eat – Eccellenza Agroalimentare Toscana, è in programma nelle prossime settimane a Impruneta. C'è ancora qualche posto

    IMPRUNETA – Se il futuro dell’agricoltura e dell’agroalimentare passa dall’agribusiness, il percorso formativo Farmer 4.0 è la risposta giusta per studenti e imprese.

    Organizzato dall’Istituto Tecnico Superiore Eat-Eccellenza Agroalimentare Toscana (Its-Eat), in collaborazione con la società Ibf Servizi specializzata nella “precision farming”, e Sfera Agricola, l’impresa che gestisce una grande serra idroponica a Gavorrano (Gr), partirà a breve a Impruneta, nell’inedito scenario della Fattoria di Campiano.

    L’azienda, infatti, ospita al suo interno il Centro di formazione permanente “Don Giulio Facibeni”, con il quale Its-Eat collabora per la formazione nel settore agribusiness.

    Qui, gli studenti che decidono di intraprendere il percorso Farmer 4.0 avranno a disposizione spazi di studio e lavoro affacciati sulla campagna, laboratori tecnologici avanzati per l’agricoltura di precisione.

    Serre in cui la pianta viene cresciuta fuori dal suolo e la terra è sostituita con materiali come argilla e fibra di cocco (idroponiche), oltre a impianti di viticoltura, olivicoltura e di trasformazione.

    Il contesto ideale per un percorso formativo destinato a preparare figure professionali per la gestione innovativa dei processi e delle nuove tecniche produttive, sempre più richieste nel settore agribusiness “del futuro”, quello che guarda alla sostenibilità ambientale ed economica, garantendo al contempo la salubrità e la qualità di quanto nasce dalla terra e viene trasformato dall’uomo.

    Il percorso approfondisce anche gli aspetti connessi alla qualità e alla sicurezza dei prodotti agroalimentari, oltre agli studi di progettazione e fattibilità, promuovendo l’innovazione di prodotto e di processo, con particolare riferimento alle nuove tecnologie di Industria 4.0 e Precision Farming.

    La durata è di due anni, per 1.200 ore di aula, cui si aggiungono 800 ore di stage (360 al primo anno e 440 il secondo, al termine dei rispettivi percorsi di aula).

    I percorsi formativi degli Its sono rivolti ai diplomati fino a 29 anni, ai quali offrono una valida alternativa agli studi universitari, grazie alla preparazione tecnica di V livello, raggiunta attraverso la formazione in aula e in azienda, con una possibilità di occupazione che supera l’80 per cento.

    C’è ancora tempo per iscriversi, la scadenza è ad oggi al 23 ottobre.

    Tutte le informazioni sul sito di Its-Eat, a questo link. Per ulteriori informazioni visitare il sito www.fondazione-eat.it, scrivere una mail a [email protected], oppure telefonare ai numeri 0564 1791224 e 333 1328663, dal lunedì al venerdì, con orario 9-13, 15-18. La sede di Its Eat è in via Giordania, 227/229 a Grosseto.

    Il Percorso FARMER 4.0 sarà presentato durante l’Open day il 20 ottobre alle 17, saranno presenti il direttore, il coordinatore, l’orientatore, l’esperto del settore e i diplomati ITS. Per partecipare all’open day occorre iscriversi entrando nel sito della Fondazione www.fondazione-eat.it.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...