spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 15 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Festa dell’Uva, presentata l’edizione 2022: con la canzone scritta appositamente da Aleandro Baldi

    Presentato il brano originale del cantautore grevigiano “La Festa dell’Uva”, un inno all’amicizia ed allo stare insieme dedicato ai quattro rioni imprunetini

    IMPRUNETA – Presentato ieri, martedì 26 luglio, presso la Fornace Poggi Ugo, il ricco programma di eventi che accompagneranno il settembre ad Impruneta.

    E che culmineranno con la sfilata/spettacolo dei carri domenica 2 ottobre: lo spostamento dall’ultima domenica di settembre alla prima del mese succesivo ri è reso necessario a causa delle elezioni politiche, che si svolgeranno proprio domenica 25 settembre.

    Nell’occasione, il cantautore grevigiano Aleandro Baldi ha presentato il suo brano originale “La Festa dell’Uva”, un inno all’amicizia ed allo stare insieme dedicato ai quattro rioni imprunetini.

    “È nella Festa dell’Uva che ritrovi tanta gente, tracce e momenti di storia, allontanate dai tempi ma che non vanno perdute quando vira forte il vento…”.

    Sono queste alcune delle parole tratte dal ritornello del brano originale “La Festa dell’Uva” che il cantautore toscano Aleandro Baldi dedica a in rioni dell’Impruneta e a tutta la sua comunità.

    La canzone, eseguita in versione unplugged, è stata presentata ieri nel corso della presentazione del programma degli eventi legati alla 96esima Festa dell’Uva di Impruneta.

    “Ho voluto evidenziare il contatto puro e genuino che si vive durante la festa, è il mio invito a cantare, all’amicizia ed a vivere un’emozione unica nel suo genere, è un brano dallo stile popolare ed invitante, ma anche con un sottile velo nostalgico” ha dichiarato Aleandro Baldi.

    Il brano “La Festa dell’Uva”, sarà eseguito live dal cantautore domenica 2 ottobre, prima dell’inizio della festa in piazza Buondelmonti.

    Alla presentazione sono intervenuti Riccardo Lazzerini, presidente Ente Festa dell’Uva, Alessio Calamandrei sindaco di Impruneta ed i rappresentanti dei quattro rioni: Laura Bagni per il rione delle Sante Marie, Leonardo Piras per il rione del Pallò, Nicola Nidiaci per il rione delle Fornaci e Giovanni Poggini per il Rione del Sant’Antonio.

    Impossibile non rimanere con un po’ di groppo in gola nel toccare con mano l’assenza di Luca Gasparri, storico presidente del rione del Pallò, venuto a mancare nel maggio scorso.

    “Riprendiamo le sane abitudini, lasciate forzatamente due anni fa – ha detto il presidente Lazzerini – La Festa dell’Uva si appresta a riprendersi la splendida piazza Buondelmonti, con la consueta sfilata/spettacolo dei quattro rioni che si contendono il trofeo in terracotta”.

    “Sono stati due anni difficili – ha ammesso – nei quali abbiamo cercato di marcare la nostra presenza con non poche difficoltà. In questo tempo è nato un Museo permanente dedicato alla nostra Festa ma, purtroppo abbiamo anche perso carissimi amici. Sarà soprattutto nel loro ricordo che ci impegneremo per realizzare una Festa dell’Uva all’altezza del proprio blasone!”.

    “Dopo due anni di fermo dovuto alla pandemia, siamo carichi e pronti per una 96esima Festa dell’Uva all’insegna in primis del divertimento, sapendo che le maestrie, le passioni, l’ingegno ed un pizzico di follia, non manche ranno sicuramente”.

    Queste le parole del sindaco Alessio Calamandrei, ai suoi ultimi mesi di mandato e alla sua ultima Festa dell’Uva da primo cittadino.

    “Sarà una Festa – ha aggiunto – che si concluderà domenica 2 ottobre con la sfilata-spettacolo dei quattro rioni. Ma sarà un mese intero da passare insieme, sui rioni ogni sera ed in piazza i fine settimana. Un ritorno a quella normalità che mai come oggi viene apprezzata, e sarà sicuramente l’occasione per tirare fuori tutte le meglio energie per la riuscita di una festa che ormai si avvia ai suoi 100 anni”.

    “Ringrazio l’Ente e Riccardo per il lavoro fin qui svolto – ha tenuto a dire in conclusione – ma concludendo vorrei ricordare Luca Gasparri, presidente del Pallò che ci ha lasciato il 18 di maggio”.

    E’ stato presentato anche il ricco programma di eventi che accompagneranno il settembre imprunetino, tra cui si ricordano le date principali.

    • Domenica 11 settembre alle ore 11, presentazione della 37° Etichetta D’Autore a cura dell’artista Roberto Panichi, ed inaugurazione della sua personale presso il Museo Festa dell’Uva.

    • Domenica 18 settembre alle ore 11, inaugurazione del Parco Museale del Museo Festa dell’Uva, seguirà presentazione della collettiva a cura dell’associazione Art Art.

    • Domenica 2 ottobre alle ore 15, 96° Festa dell’Uva di Impruneta in piazza Buondelmonti, sfilata/spettacolo dei quattro Rioni: Fornaci, Pallò, Sante Marie, Sant’Antonio.

    Il trofeo in palio per la 96esima edizione della Festa è stato disegnato da Antonella Andrei della Fornace Ugo Poggi.

    Una elegante opera d’arte in cui è rappresentata una coppa composta da tante piccole foglie e sorretta da tre gambi in plexiglass disposti a cono, ai quali è appoggiato un grappolo d’uva in terracotta.

    Presentato anche il bozzetto del costume della nuova mascotte della Festa dell’Uva, “Uvetto”, personaggio nato dalla fantasia di Carolina Masi, che con il suo disegno è stata la vincitrice del concorso “Dai un volto a Uvetto”.

    LA CANZONE DI ALEANDRO BALDI

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...