spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 18 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Fiera di San Luca, il sindaco: “Sapori e colori torneranno quelli che ogni imprunetino conosce da sempre”

    Approvato il nuovo piano del commercio, con la prossima edizione ritorno a 63 piazzole: ripristinata l'area mercatale come in passato

    IMPRUNETA – Nel corso del consiglio comunale del 5 settembre scorso è stato approvato, con voto favorevole di tutta la maggioranza e astensione dell’opposizione, il nuovo piano per l’esercizio del commercio su aree pubbliche relative alla Fiera di San Luca.

    Che si svolgerà quest’anno nel periodo dal 14 al 23 ottobre ad Impruneta.

    “Il nuovo piano per il commercio – spiegano dal palazzo comunale – garantisce i requisiti di sicurezza per gli utenti e operatori, buone caratteristiche commerciali, buona estensione della superficie dei posteggi”.

    E, ancora, “adeguata alle dimensioni dei mezzi di vendita e agevole scorrimento dei mezzi di pronto intervento sanitario e antincendio”.

    Il consiglio comunale ha deliberato il ritorno a 63 piazzole, di cui 16 riservate al commercio alimentare, 46 al commercio extralimentare ed un posteggio riservato ai portatori di handicap ai sensi della L.104/1992.

    La gestione extra delle aree promozionali della Barazzina (piazza Garibaldi), via Paolieri, via Cavalleggeri, e via Vittorio Veneto, sarà a cura della Pro Loco di impruneta per conto dell’Associazione Fiera di San Luca.

    L’area del luna park viene confermata in piazza Accursio da Bagnolo, mentre il Loggiato del Pellegrino ospiterà una mostra dedicata all’artigianato artistico a cura della CNA di San Casciano.

    Oltre ad altri eventi promossi in collaborazione con le associazioni Ferdinando Paolieri, Art Art e direttamente dalla biblioteca comunale di Impruneta.

    Prosegue la collaborazione con le associazioni quali la casa del popolo imprunetina, Arci Caccia e Ente Festa dell’Uva, che inseriranno nel programma “una serie di eventi e presidi di carattere storico e continuativo”.

    “Come da tradizione torneremo a gestire direttamente gli eventi storici e tradizionali della Fiera di San Luca” dichiara il presidente dell’associazione Fiera di San Luca Andrea Tucci.

    “Dalla mostra degli animali presso lo spazio dell’associazione Piattello Green – ricorda – ai fuochi d’artificio di giovedì 19 ottobre, piuttosto che la sfida del tiro alla fune dei quattro rioni”.

    “Come associazione – conclude Tucci – seguiremo direttamente anche altri interessanti eventi collaterali alla Fiera, come la bellissima sfilata di moda a cura del centro commerciale naturale Il Pozzo.”

    “A seguito di un’approfondita valutazione dei risultati dell’edizione sperimentale del 2022 – dichiara il sindaco di Impruneta Riccardo Lazzerini – si è ritenuto opportuno ripristinare l’area mercatale nelle zone tradizionalmente interessate, quali piazza Buondelmonti, via Mazzini e piazza Accursio da Bagnolo”.

    “Esprimo grande soddisfazione per l’esito del consiglio comunale – tiene a dire – nel quale non si sono registrate posizioni contrarie; ma soprattutto per aver rimesso in sinergia tutte le forze associative del paese”.

    “I sapori e i colori della nostra Fiera – promette – torneranno ad essere quelli che ogni imprunetino conosce da sempre, arricchiti da elementi di contorno che saranno certamente apprezzati da tutta la popolazione”.

    Lunedì 11 settembre infine, avranno inizio i lavori di risistemazione temporanea degli avvallamenti presenti in piazza Accursio da Bagnolo, che nel periodo della Fiera di San Luca ospiterà il luna park ed il presidio dei rioni.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...