mercoledì 14 Aprile 2021
Altre aree

    Franchi (Cittadini Per): “Ancora nessuna risposta e né idee per la Barazzina e la Pagoda”

    "Mi sarei aspettato delle risposte dall'assessore Aramini, che dovrebbe iniziare ad esporsi anche su questioni nelle quali c'è da... sporcarsi le mani"

    IMPRUNETA – “Dopo la discussione della mia domanda d’attualità sarebbe stato bello poter riportare le effettive intenzioni dell’amministrazione per il futuro della Barazzina e della Pagoda”.

    Inizia così la riflessione di Gabriele Franchi, consigliere comunale del gruppo di opposizione Cittadini per Impruneta, sul tema Barazzina-Pagoda, una sorta di “evergreen” (vista la non risoluzione) nel capoluogo.

    “Invece – riprende Franchi – risposte dirette non ce ne sono state, poiché l’assessore Luca Binazzi non ha detto quale strategia la giunta intende portare avanti né tantomeno se saranno fatti nuovi bandi analoghi a quelli fallimentari del passato”.

    “E’ ipotizzabile purtroppo di sì – aggiunge – dal momento che Binazzi ha difeso tali bandi e ha addirittura criticato la Confesercenti Chianti, che nel 2018 aveva giudicato insensata la soluzione di creare un bar nella Pagoda”.

    “Siamo di fronte ad una totale assenza di visione – rilancia – nonché alla più totale mancanza di volontà di confrontarsi con le associazioni e i commercianti di Impruneta per valutare la destinazione migliore per la struttura, come io propongo ormai da anni”.

    Il Parco della Barazzina, a Impruneta

    “La Pagoda – dice il consigliere comunale – è uno spazio inadatto per un’attività commerciale, sia per le dimensioni che per la conformazione”.

    “E La Barazzina – rincara – in quanto principale parco giochi del paese, non può essere alienata dalla gestione dell’amministrazione comunale, come invece si è cercato di fare in quei bandi provando ad appiopparla a qualche malcapitato”.

    “Mi sarei aspettato inoltre che a rispondermi non fosse l’assessore Binazzi – sottolinea – bensì l’assessore Matteo Aramini, dato che il tema rientra nello sviluppo del territorio”.

    “Ma sulla Barazzina – conclude Franchi – come su altri grossi buchi neri, tipo il Birillo, l’assessore non dice parola: dovrebbe cominciare ad esporsi anche su questioni in cui c’è da sporcarsi le mani”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...